Vitikappa®, nuovo fungicida di contatto di Biogard

Vitikappa-Biogard-600x400.jpg

Il prodotto Biogard ha come sostanza attiva il bicarbonato di potassio

L’articolo Vitikappa®, nuovo fungicida di contatto di Biogard è un contenuto originale di Terra e Vita.

Biogard, divisione di Cbc (Europe) srl, che rappresenta un punto di riferimento nel settore dei mezzi di controllo biologico in agricoltura, ha ottenuto l’autorizzazione all’immissione in commercio di Vitikappa, prodotto fitosanitario a base di bicarbonato di potassio. Da maggio è dunque disponibile un nuovo fungicida biologico per il controllo delle infezioni di ticchiolatura e oidio.

Vitikappa è un fungicida di contatto, formulato in polvere solubile, con effetti preventivi e curativi contro alcune malattie fungine quali ticchiolatura e oidio.

La sostanza attiva del prodotto è il bicarbonato di potassio (KHCO3; concentrazione 99% p/p), che svolge un’attività complessa contro i funghi oggetto della sua specifica azione che prevede: innalzamento del pH, alterazione della pressione osmotica delle cellule fungine e specifici effetti dello ione bicarbonato su permeabilità della membrana cellulare.

L’azione congiunta di questi fattori provoca il disseccamento delle ife fino al collasso totale del micelio dei funghi suscettibili. L’elevata purezza del formulato riduce al minimo l’eventuale rischio di fitotossicità.

Vitikappa, che agisce anche sulla vitalità delle spore fungine, è particolarmente indicato per l’uso in miscela e/o alternanza con altri fitofarmaci al fine di mettere in atto strategie contro l’insorgenza di resistenze e sfruttare le sinergie tra diversi meccanismi d’azione. In tal senso va sottolineato che il prodotto è miscibile in botte con i principali principi attivi utilizzati in agricoltura biologica e integrata (dithianon e zolfo inclusi). Gli impieghi autorizzati riguardano:

Pomacee per la ticchiolatura con una dose massima di 7.5 kg/ha in 1.000-1.500 l/ha per ogni intervento;

Melo per l’oidio con una dose massima di 5 kg/ha, distribuendo 1.000 l/ha di soluzione;

Vite da vino e uva da tavola per l’oidio con una dose massima di 6 kg/ha, distribuendo fino a 600 l/ha di soluzione;

Cucurbitacee per l’oidio con una dose massima di 5 kg/ha in 600-1.000 l/ha di soluzione.

Va considerato che per tutte le colture deve essere mantenuta una concentrazione di almeno 500 g per ettolitro di acqua.

 

Per informazioni:

BIOGARD divisione di CBC (Europe)

www.biogard.it