Una nuova interpretazione per i numeri del “bio boom”

Landscape at sunset

Il settore sta praticamente partendo adesso, ma le prospettive sono enormi

L’articolo Una nuova interpretazione per i numeri del “bio boom” è un contenuto originale di Terra e Vita.

Come sta il biologico in Italia? È un vero boom? Ci si può aspettare che cresca ancora? Possiamo essere entusiasti della crescita o semplicemente contenti o addirittura dovremmo essere delusi dai risultati raggiunti?

Partiamo quindi dal contesto. Il biologico è nato nel 1991 come sistema normato e certificato. Inizia a lasciare traccia statistica da quella data. Fino ad allora le aziende bio c’erano, ma non erano identificabili e quindi non esistevano statistiche.

Da quella data inizia un percorso di comunicazione, di diffusione del sistema, di politiche per sostenerlo, di riconoscimenti non solo in termini produttivi, ma anche ambientali e di mercato.

Siamo al tempo “zero”, quando le prime poche centinaia di aziende per ogni regione di Italia entrano nel sistema certificato, ma fanno fatica a vendere un prodotto che nessuno conosce. Il messaggio è quello di prima della certificazione: il prodotto del contadino che ci mette la faccia e garantisce che al prodotto “non ci dà nulla”.

Il cittadino intanto non sa neppure cosa sia il “qualcosa” che può essere dato a una coltura, quindi fatica a capire la differenza tra bio e non bio. Ma si fida e si affeziona.

Con il biologico parte anche il finanziamento per la “lotta integrata” attraverso il reg. 2078/92. Dopo i primi 7 anni abbiamo 54mila aziende biologiche, il che ci fa pensare che il sistema sia cresciuto molto. Ma potremmo anche guardare quante aziende invece hanno beneficiato del reg. 2078 e vediamo che le aziende in lotta integrata sono circa 2,4 milioni.

Questo vuol dire che solo il 2% delle aziende ha scelto di fare biologico: un risultato deludente per un regolamento europeo che doveva stimolare un’agricoltura sostenibile.

Poi gli anni a venire fanno un po’ da altalena tra picchi di crescita e leggere flessioni. Anche qui il commento cambia in base a quali numeri leggiamo.

Se gli ettari aumentano più degli operatori, significa che molte piccole aziende lasciano il bio, ma in cambio si certificano alcune di quelle più grandi.

 

Leggi l’articolo completo su Terra e Vita 2/2017 L’Edicola di Terra e Vita