Tornano a casa i 15 milioni per le associazioni allevatori

Breeder in cow barn using digital tablet

I fondi sono stati recuperati grazie a un intervento del ministero dell’Economia e del Mipaaf

L’articolo Tornano a casa i 15 milioni per le associazioni allevatori è un contenuto originale di Terra e Vita.

Gli allevatori italiani possono dirsi soddisfatti: in tempi brevi si sono riusciti a recuperare quei 15 milioni di euro che erano stati tagliati a sorpresa solo pochi giorni fa, necessari per finanziare le attività di controllo funzionale. Di questa somma, 10 milioni provengono dal ministero dell’Economia a seguito alla legge di assestamento al finanziamento diretto dei Capitoli 7637 e 7638 per le attività in materia di controlli funzionali del bestiame, mentre i restanti 5 sono stati presi dalle risorse proprie del Mipaaf.

La reazione dell’Associazione italiana allevatori (Aia) non poteva che essere improntata a grande soddisfazione: «Un ringraziamento – ha affermato il presidente Roberto Nocentini – va anche a tutti coloro che, a vario titolo, in questi giorni hanno fatto sentire la propria autorevole posizione a favore delle ragioni del Sistema allevatori. In particolare la Coldiretti, Consorzi di Tutela, tra cui il Grana Padano, Assocarni, le Organizzazioni Sindacali e gli Assessori regionali all’Agricoltura ed esponenti politici: hanno saputo sottolineare la funzione strategica del Sistema allevatori, impegnato da sempre a far arrivare sulle tavole dei cittadini-consumatori prodotti di origine animale sani, tracciati, rispettosi del benessere animale, garantiti dalla serietà del nostro lavoro in stalla e dai controlli sull’attività selettiva e di miglioramento genetico»