PIANO CASA&AGRICOLTURA – Piemonte

Per la casa nei campi valgono le stesse volumetrie delle città
ediliziaEdificioRurale3.JPG

Il Piano casa del Piemonte riguarda anche gli agricoltori, che possono applicare per le loro esigenze abitative gli ampliamenti previsti. La legge, valida fino al 31 dicembre 2011, è stata approvata dal consiglio regionale a metà luglio, con 60 giorni di tempo ai singoli Comuni per recepirla; alcuni aspetti contenuti nel Piano nazionale e in quello regionale erano comunque già previsti da strumenti urbanistici degli enti locali subalpini.

Per gli operatori del comparto primario, l’aspetto più rilevante della norma (che non prevede comunque indicazioni per i fabbricati strumentali agricoli) è l’equiparazione degli edifici a uso abitativo: «Per unità edilizie – si legge nel testo della norma – si intendono gli edifici con destinazione d’uso residenziale, nonché gli edifici rurali a uso abitativo necessari alle esigenze dei proprietari dei fondi e a chi abbia titolo per l’esclusivo uso degli imprenditori agricoli professionali, quando persone fisiche (…) e dei salariati fissi, addetti alla conduzione del fondo».

Ecco quindi che anche gli agricoltori possono ampliare l’abitazione: la regola generale, per il Piano casa piemontese, è quella di un incremento fino al 20% dell’esistente oppure di un’ulteriore volumetria fino al 35% dell’edificio in caso di abbattimento e ricostruzione. La condizione è un miglioramento delle performance energetiche del fabbricato. E nei Comuni che già prevedono la possibilità di ampliamento del 20% per esigenze funzionali o di sicurezza, si può aggiungere l’ulteriore 20% di questo Piano casa, purché si rispettino le norme in esso contenute; nel caso non si sia ancora sfruttato il precedente 20%, si può quindi utilizzare un doppio «bonus». Il tutto è accompagnato da uno snellimento delle procedure, che possono passare attraverso Dia (denuncia di inizio attività) con eventuali richieste di integrazioni e chiarimenti entro 30 giorni.

Gli interventi non possono essere effettuati nei centri storici, né per nuclei minori, monumenti isolati, singoli edifici – civili o di architettura rurale – di valore storico-artistico o ambientale o documentario, oltre ai Parchi nazionali e nelle aree protette.


Pubblica un commento