Ciliegie: Le Star dell’Università di Bologna riconosciute nel mondo

Per diffonderle, l’Alma Mater ha stipulato contratti con vivai in diversi Paesi
FP_11_06_ciliege_star.jpg

Le sette varietà di ciliegio della serie Star dell’Università di Bologna nascono da incroci tra genotipi europei (scelti per la qualità) e americani (per il carattere autofertilità). Tutte le varietà sono brevettate a livello Ue e in alcuni altri Paesi (Australia, Cile, Sudafrica e Usa). Per la diffusione commerciale di queste varietà l’Università di Bologna – tramite l’agenzia Crpv di Cesena – ha stipulato contratti in esclusiva direttamente con aziende vivaistiche o gruppi di vivaisti nel mondo (vedi figura). Solo in Italia sono state commercializzate, dal 2000 al 2007, oltre 250mila piante di ciliegio serie Star. Le sette ciliegie della serie Star coprono un periodo di raccolta di circa 4 settimane: si parte con Sweet Early® Panaro 1* intorno al 20 maggio a Vignola (qualche giorno prima di Burlat) per terminare con Big Star* a metà giugno (qualche giorno prima di Lapins).
 

 

L’inizio è Sweet & Early.
L’interesse per Panaro 1* (marchio Sweet Early®) è legato alla precocità e all’ uniformità di maturazione: si raccoglie infatti in un unico stacco 2gg prima di Burlat. Le ciliegie sono di grossa pezzatura con calibro prevalente (62%) di 28mm. Particolarmente apprezzata per la dolcezza delle drupe grazie ai buoni livelli di zuccheri (16%) uniti a una bassa acidità (< 4 g/l). Sweet Early è una varietà vigorosa.
Early Star ® Panaro 2 è una varietà apprezzata per il periodo precoce di maturazione (subito dopo Burlat) e per le caratteristiche dei frutti. Circa la qualità dei frutti, presenta calibri prevalenti in media sui 26mm (45%) e 28mm (38%). Buona la consistenza; risulta piuttosto acida e di sapore mediocre. Per quanto riguarda l’epoca raccolta, le nostre prove confermano una finestra piuttosto ampia, fino a 7-8 giorni (stadio 6 Ctifl; epoca New Star), con incrementi notevoli nel peso dei frutti e un calo poco evidente del parametro consistenza polpa.
 

 

Grace & Black: una coppia d’assi
La “prima donna” della serie è Grace Star*. Medio-precoce nella maturazione, produce frutti grossi, attraenti, molto omogenei nel calibro, ben apprezzati dal consumatore per l’aspetto e il sapore. Nel 2007 ha vinto il premio come migliore ciliegia d’Italia al concorso organizzato dall’associazione “Città delle ciliegie d’Italia”. Circa l’80% dei frutti presenta un calibro superiore ai 28mm. Ciliegia semi-soda, con un equilibrato rapporto zuccheri/ acidi. Grace Star viene raccolta 10-12 giorni dopo Burlat (epoca Giorgia), normalmente allo stadio di colore 2, massimo 3 (scala Ctifl). Se raccolta tardivamente (stadio 4), nelle nostre condizioni caldo-umide, la polpa subisce un certo intenerimento.
Black Star* è una ciliegia a buccia scura, quasi nera, apprezzata per pezzatura, consistenza, sapore e la buona tolleranza al cracking. Matura in epoca intermedia (16-18 giorni dopo Burlat; epoca Van) e presenta un’ampia finestra di raccolta: dalle nostre prove, ritardando la raccolta fino al colore 6 (scala Ctifl) si sono ottenuti incrementi di peso (che ha raggiunto i 12g), mantenimento della durezza, incremento degli zuccheri (fino al 20%).
 

 

La “new entry” è Big
L’ultima nata della serie Star. Big Star* Giunge a maturazione qualche giorno prima di Lapins (stadio 5 della scala Ctifl). Considerando che Lapins nel Centro-Nord in Italia è la varietà principale, si prevede forse un’affermazione sul mercato meno veloce rispetto alle sue sorelle. Dal lato produttivo, mostra un comportamento simile alle altre varietà della serie Star. Rispetto a Lapins presenta una minore precocità di fruttificazione. Le produzioni dell’ultimo biennio (6° e 7° anno) hanno però raggiunto e superato (al VII anno) quelle di Lapins. Ciliegia semi-soda, dolce, sub-acida, molto succosa, di grossa pezzatura con calibro prevalente superiore ai 28 mm. In un recente consumer test condotto ad Alberobello (Ba) è risultata la ciliegia più apprezzata vincendo la concorrenza sia di Lapins, sia di Ferrovia.


Pubblica un commento