Cereali. Prezzi nazionali e mondiali a confronto (dal 12 al 18 Novembre 2010)

TV_10_47_Grano_Tenero_ok.jpg

 

Tenero, sotto il pressing mangimistico

Italia

il mercato nazionale vive di luce riflessa le notizie e le attese degli operatori europei. La domanda da settimane è allargata all’utilizzo per alimentazione animale anche per grani di buona qualità, con l’offerta che non ne disdegna le quotazioni; è ben tenuto il mercato dei panificabili superiori.
Le semine potrebbero subire cali di superficie per le sfavorevoli condizioni climatiche al Nord e le prospettive di medio periodo si fanno più incerte.
Milano (+3 €/t) e Bologna (+2 €/t) si adeguano al panorama europeo.
 

 

Duro, scenario statico

TV_10_47_Grano_Duro


Italia

poco o nulla da registrare se non la continua emorragia verso il settore mangimistico che al momento gela ogni possibile calo delle quotazioni ufficiali.
Domanda presente, ma discreta nell’agire; l’offerta si fa trovare pronta anche se dubbiosa se accettare quotazioni al ribasso sull’ipotesi di prossimi arrivi di merce estera a basso prezzo.
Le semine al Nord, ostacolate dal clima, potrebbero flettere oltre le attese; al CentroSud c’è ancora tempo per decidere.
Attività sui porti per arrivi (gli ultimi del 2010?) dal Nordamerica di merce con qualità media.
Borse merci invariate da settimane e la tendenza sembra consolidarsi.

 

Mais, domanda assente in Europa

Italia

la settimana scorre tranquilla con meno pressione dalla domanda che, talvolta, si copre con grano.
L’offerta dalle origini europee e dal Mar Nero resta limitata,ma l’inversione dei prezzi in Usa potrebbe indurre aggiustamenti a breve. Milano quota + 2 €/t mentre Bologna è invariato.

 

Cereali foraggeri e oleaginose

Italia

Cereali foraggeri: gli equilibri di mercato rispecchiano la situazione europea e l’attesa di maggiori semine di mais al Nord a discapito di orzo e grano sostengono le quotazioni.
I teneri restano saldamente oltre quota 210 arrivo, mentre il sorgo bianco e l’orzo fanno segnare su Bologna e Milano incrementi rispettivamente di +2€/t e +3 €/t.
Oleaginose: il dubbio sull’import cinese fa crollare le quotazioni mondiali: Milano invariato;
Bologna a -6 €/t per la soia estera e -3 €/t per la nazionale.

 

 

Il commento completo sui prezzi europei e mondiali su Terra e Vita.
Per abbonarsi: http://www.agricoltura24.com/agricoltura/p_1076.html

 


Pubblica un commento