Qualità e vendita diretta, una scelta vincente

foto-4-600x338.jpg

L’azienda di Mariangela Costantino ha puntato sul legame dell’olio con il territorio ed è riuscita a conquistare mercati stranieri importanti come la Cina. La diversificazione agricola ne ha fatto un modello di multifunzionalità

L’articolo Qualità e vendita diretta, una scelta vincente è un contenuto originale di Olivo e Olio.

La Calabria, da sempre tra i principali produttori di olio in Italia, ha riempito i serbatoi dei commercianti all’ingrosso provenienti dalla Toscana, dalla Puglia o da altre regioni più intraprendenti. Oggi questa tendenza non è stata interrotta, ma molti produttori hanno puntato a creare un ciclo completo in azienda scommettendo sulla vendita diretta, per ridare maggiore valore aggiunto all’olio e legarlo al territorio.

Una tra le imprenditrici agricole determinata a perseguire questo obiettivo è Mariangela Costantino. Giovane agronoma da più di dieci anni guida l’azienda agricola di famiglia a forte impronta olivicola, con un’estensione di 160 ettari, di cui 60 sono ad uliveti in biologico, con cultivar Carolea al 98% e il restante rappresentato dagli impollinatori. La sua spinta all’innovazione e valorizzazione ha reso l’azienda Costantino, ubicata nel comune di Maida, confinante con la pianura di Lamezia Terme, tra quelle più impegnate a commercializzare l’olio guardando all’estero. Il padre Franco l’ha messa alla prova ed ha presto valorizzato il suo estro, la sua caparbietà e competenza sostenendola e facendo un passo indietro. Ma è sempre in azienda, tra gli uliveti e il frantoio, a supportare la figlia perché tutto vada nel migliore dei modi e non facendo mancare il sostegno morale e finanziario.

Alla conquista della Cina

La produzione aziendale è esclusivamente olio Dop biologico Lametia. Nel corso degli anni i risultati sono arrivati per lei e per il consorzio di valorizzazione. Proprio nell’ambito di una iniziativa promozionale recente della Regione Calabria, di Fincalabra e dell’ Ice, Mariangela Costantino è stata tra i ventidue imprenditori andati in missione in Cina, a Pechino, per far conoscere e degustare i prodotti tipici calabresi a buyers, importatori, clienti della grande distribuzione e alla stampa. Lei ha rappresentato il suo olio Dop, raccolto direttamente dagli alberi con i supporti meccanici e molito a freddo nel giro di tre ore, nell’impianto aziendale a ciclo continuo. Questo procedimento garantisce un prodotto finale meno acido e privo di difetti organolettici…..

Leggi l’articolo completo su Olivo e Olio n. 3/2016 L’Edicola di Olivo e Olio