Produttività e sostenibilità, le chiavi dei Gruppi Operativi

Depositphotos-13816970-original-600x398.jpg

Innovazione possibile in 5 aree strategiche

Leggi l’articolo originale Produttività e sostenibilità, le chiavi dei Gruppi Operativi su Terra e Vita.

Un gruppo di aziende agricole del Modenese che cerca un modo innovativo per incrementare la sostanza organica nel terreno oppure un accordo fra imprenditori agricoli piacentini che s’impegnano ad innovare per ridurre il rilascio di sostanze inquinanti nelle acque. Sono solo alcuni esempi di come spendere i 12,5 milioni di euro che la Regione Emilia-Romagna ha assegnato alla misura 16 “Cooperazione”, con 5 diversi bandi a seconda di quale Focus Area viene interessata.

 

Descrizione e obiettivi

L’operazione 16.1.01 “Sostegno per la costituzione e la gestione dei Gruppi Operativi del PEI in materia di produttività e sostenibilità dell’agricoltura” intende favorire la cooperazione tra i vari soggetti per la messa a punto e il trasferimento di innovazioni attraverso l’azione dei Gruppi Operativi per realizzare piani pilota e piani per lo sviluppo di nuovi prodotti, pratiche, processi e tecnologie agricole.

 

Beneficiari

Il beneficiario del sostegno è il Gruppo Operativo, organizzato in Rete-contratto o Associazione Temporanea di Impresa o di Scopo, purché abbia al suo interno:

–   imprese del settore agricolo che svolgono attività di produzione e/o commercializzazione e/o prima trasformazione di prodotti agricoli;

–   un organismo di ricerca e/o sperimentazione pubblico o provato nel settore agricolo o agroalimentare.

Possono far parte anche altri soggetti tra cui consulenti, formatori ed organizzazioni di produttori.

Il Gruppo Operativo deve dotarsi necessariamente di:

–   un Piano di innovazione finalizzato a trovare una soluzione concreta ad un problema manifestato dalle aziende agricole coinvolte;

–   un Regolamento con ruoli e responsabilità.

 

Spese ammissibili

Sono ammissibili a sostegno le seguenti tipologie di spesa:

–   costi di esercizio della cooperazione;

–   costi relativi a studi necessari per realizzare il Piano di Innovazione (ad esempio analisi di mercato);

–   costi diretti delle specifiche azioni per realizzare il Piano (ad esempio acquisto brevetti, prove in campo, test ed analisi di laboratori);

–   costi di divulgazione e di formazione.

 

Focus Area e finanziamento

L’aiuto è concesso in conto capitale e con diverse percentuali di finanziamento, secondo la tipologia di Focus Area del bando (tab. 1).

 

Criteri di valutazione

….

 

 

*Europe Direct Umbria Cesar

 

 

Leggi l’articolo completo di tabelle su Terra e Vita 08/2016 L’Edicola di Terra e Vita