Pomodoro, nella campagna 2016 le superfici calano del 6%

pomodoro-2-600x352.jpg

In Italia la superficie coltivata a pomodoro da industria è di 68.640 ettari. Nel Foggiano e nel Casertano gli ettari investiti rispetto al 2015 sono calati del 13,70%

L’articolo Pomodoro, nella campagna 2016 le superfici calano del 6% è un contenuto originale di Terra e Vita.

Il Polo Distrettuale del pomodoro da industria del Centro Sud Italia e l’Organismo Interprofessionale del pomodoro da industria Nord Italia hanno completato la stima della superfici coltivate a pomodoro da industria per la campagna 2016.

Dallo scambio di informazioni tra i due Organismi, previsto dal Protocollo di intesa firmato a Expo alla presenza del Ministro Martina, è emerso che, nel 2016, in Italia le superfici coltivate a pomodoro da industria sono pari a 68.640 ettari, con una riduzione di oltre il 6% rispetto al 2015. Il calo si registra prevalentemente nel bacino del Centro-Sud Italia – con particolare riguardo agli areali foggiano e casertano – che vede una riduzione degli ettari investiti, rispetto al 2015, del 13,70%.

Le superfici, invece, si mantengono più stabili nel bacino del Nord, dove si è avuta una crescita degli ettari di pomodoro biologico, che hanno raggiunto quasi il 5% del totale. Tali coltivazioni, come noto, coprono aree di mercato diverse da quelle storicamente presidiate dalle produzioni tradizionali.

Anche nell’area Centro Sud, si registra, nel 2016, un altrettanto significativa ed importante produzione di pomodoro biologico che ha interessato più del 6% degli ettari totali.

Le avversità climatiche e le importanti problematiche fitosanitarie che, in modi e in tempi diversi, sembrano avere interessato tutti i principali areali produttivi, fanno ipotizzare, come evidenziato dai rappresentanti del mondo agricolo, una riduzione delle produzioni superiore al 6%, anche in conseguenza ad un calo delle rese produttive.