Pomodoro da industria, redditività e basso impatto

IMG-5627-600x400.jpg

Rese di oltre 100 t/ha, con punte fino a 140-150 t/ha

Leggi l’articolo originale Pomodoro da industria, redditività e basso impatto su Terra e Vita.

L’azienda Anfil, che da oltre trent’anni fornisce assistenza agronomica in campo e commercializzazione di mezzi tecnici, nella provincia di Piacenza, ha sviluppato nel tempo una vera e propria strategia di partnership, con gli agricoltori. Attraverso le esperienze maturate con i produttori di pomodoro da industria, in particolare, Anfil è riuscita a individuare una formulazione “bilanciata” di macroelementi NPK, specifica per le peculiari caratteristiche pedoclimatiche del territorio.

In questo percorso ha avuto il sostegno e la collaborazione di Scam, azienda leader nel campo della nutrizione vegetale, che fin da subito ha creduto nel progetto, arrivando così a formulare e produrre il Tomato Top K Max. Questo nuovo formulato in esclusiva per Anfil fa parte di concimi Scam organo-minerali con matrice altamente umificata a rilascio graduale. Si tratta di una tecnologia che consente di offrire un nutrimento costante alla coltura, abbattendo notevolmente le perdite dovute a lisciviazione o retrogradazione.

Il principale vantaggio offerto da Tomato Top K Max è rappresentato dalla modalità di somministrazione, che avviene in un’unica soluzione nell’epoca di pre trapianto.

 

Stimolazione del rizoma

Le caratteristiche della formulazione, attiva nel terreno già dalla messa a dimora delle piantine fino alla fine del ciclo produttivo, stimolano da subito la crescita del rizoma, questo facilita l’attecchimento della coltura e l’accrescimento uniforme della stessa.

Rispetto a una concimazione tradizionale, la distribuzione in un’unica soluzione rappresenta un vantaggio evidente, soprattutto dal punto di vista della logistica, dello stoccaggio, dei tempi e costi di distribuzione, inoltre la gradualità con cui si rendono disponibili le sostanze nutritive e la resistenza che oppongono alla lisciviazione, consentono di ottenere produzioni maggiori rispetto al passato, pur rispettando la severa normativa del disciplinare di produzione integrata emanato dalla Regione Emilia-Romagna, a cui i produttori devono attenersi.

I vantaggi riguardano anche l’agro ecosistema, meno inquinato da perdite di sostanze che, se non a disposizione della coltura, si trasformerebbero in un mero spreco.

Le pratiche agronomiche in generale, e la fertilizzazione in particolare, sono fondamentali per l’ottenimento di un prodotto di qualità, considerando soprattutto la fioritura del pomodoro, generalmente distribuita in tre palchi a maturazione scalare, contrapposta alle esigenze delle industrie conserviere e della raccolta meccanizzata che vorrebbero un prodotto a maturazione contemporanea.

Bisogna considerare anche la qualità richiesta, in primo luogo il grado Brix, che contribuisce fortemente alla determinazione del prezzo e di conseguenza alla gratificazione economica dell’agricoltore. Inoltre il fattore clima gioca un ruolo fondamentale, in particolare nella stagione estiva, quando stress climatici possono pregiudicare la produzione e gli sforzi sostenuti fino a quel momento.

 

Una vasta gamma di prodotti

Per rispondere a tutte queste esigenze, strettamente interconnesse tra loro Scam mette a disposizione una vasta gamma di formulati, quasi tutti con meccanismo d’azione per via fogliare, come: Folifer 70L, che fornisce alla coltura una dotazione di ferro, grazie al suo composto chelato specifico per applicazioni fogliari; Axifol Cab, formulato per la nutrizione fogliare a base di Calcio e Boro, fondamentali in fase di fioritura e allegagione; Linfor e Newferstim, una speciale linea di concimi liquidi organo-minerali messa a punto dalla Scam per gestire la fertirrigazione e ottimizzare la risorsa idrica.

L’utilizzo di questi innovativi formulati attraverso la metodologia applicativa messa a punto con l’ufficio tecnico Anfil consente di apportare minori unità fertilizzanti, quindi rimanendo nella fascia di rispetto dei disciplinari produttivi e dell’impatto ambientale, e permette di ottenere straordinarie risposte vegetative e produttive. Inoltre, questi concimi utilizzati costantemente in fertirrigazione, grazie alla matrice aminoacidica, si sono rivelati anche molto efficaci nel contrastare gli effetti dovuti agli stress climatici.

La possibilità di intervenire su più siti d’azione da maggiori garanzie di successo sul risultato che si vuole perseguire, in particolare quando una pianta è in fase di stress, non è detto che sia in grado di assorbire gli elementi che aiuterebbero a superarla, occorre quindi poter disporre di una eccellente dotazione di mezzi tecnici e di un elevato grado di specializzazione nella coltura per far fronte a tutto questo ventaglio di opzioni e conseguire l’obiettivo prefisso.

Filippo Anelli, imprenditore e tecnico Anfil, commenta: «Con l’offerta integrata Scam, con l’adeguato supporto tecnico fornito e con la esperienza di tanti anni di Anfil spa, possiamo dire oggi che questo obiettivo è raggiungibile e anche in modo brillante. Le rese di produzione superano le 100 tonnellate per ettaro, con punte di 140-150 tonnellate per ettaro, con qualità soddisfacenti».