Pac, accordo Mipaaf con Abi per anticipare i fondi europei

Citrus sapling growing from coins

Sulla base dell’intesa Agea siglerà accordi con le singole banche che potranno provvedere all’anticipo di almeno il 70% dei pagamenti di base e del greening in esenzione

Leggi l’articolo originale Pac, accordo Mipaaf con Abi per anticipare i fondi europei su Terra e Vita.

Il ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha sottoscritto un accordo con l’Associazione bancaria italiana e Agea per favorire l’anticipazione dei contributi europei della Pac dal 2016 agli agricoltori beneficiari da parte degli istituti bancari. L’accordo è stato firmato  dal ministro Maurizio Martina, dal presidente di Abi Antonio Patuelli e dal direttore di Agea Stefano Antonio Sernia.

Sulla base dell’intesa Agea siglerà accordi con le singole banche che potranno provvedere all’anticipo di almeno il 70% dei pagamenti di base e del greening in esenzione. Queste erogazioni sono previste di solito da Agea entro il mese di novembre con una percentuale del 50%, che quest’anno la Commissione su richiesta anche dell’Italia ha portato al 70%. Con il nuovo meccanismo gli agricoltori potranno invece ricevere in tempi molto più rapidi le risorse. La platea potenziale dei beneficiari è di oltre 300mila aziende per più di un miliardo di euro.

«Stiamo lavorando – ha dichiarato Martina – per assicurare alle nostre imprese l’anticipo di almeno il 70% dei pagamenti europei attraverso un meccanismo innovativo. Intervenire sul fronte della liquidità aiuterà le aziende a programmare meglio le loro attività e superare alcune difficoltà. Ringrazio il presidente Patuelli perché Abi, dopo l’accordo per la moratoria di 30 mesi dei debiti degli allevatori, conferma l’attenzione per un settore strategico come quello agricolo».