UNICEB: A VERONA L’ASSEMBLEA ANNUALE

flashNews.gif

Emergenze sanitarie di stretta attualità (l’influenza messicana) e di recente memoria (Blue tongue e Bse), l’aumento dei ticket veterinari alla macellazione, la carenza di pascoli per gli allevamenti da carne italiani, le normative sul trasporto e il benessere animale. È lungo l’elenco delle minacce che gravano sul settore delle carni e che il presidente di Uniceb, Renzo Fossato, ha illustrato nel corso della 40ª assemblea annuale a Veronafiere. «Se riprende quota il prezzo dei cereali – sottolinea – possiamo chiudere i battenti della zootecnia italiana». I presupposti per riprendere slancio, comunque, ci sono. A partire dalla ripresa mondiale dell’economia che deve essere accompagnata «dalla sospensione, almeno per il 2009, dell’applicazione della maggiorazione del 20% delle tariffe per i controlli veterinari ufficiali al macello» e dalla riduzione della lista dei materiali specifici a rischio Bse perché eliminare l’intero tratto intestinale dei bovini costa circa 110 milioni di euro l’anno. (Redazione Agrisole)


Pubblica un commento