SEMENTI: Nardi: «Frumento a rischio e ricerca senza risorse»


«Sull’attività sementiera pesano oggi scelte sbagliate di politica agricola – afferma Marco Nardi, direttore diAssosementi – come le recenti decisioni che hanno eliminato l’obbligo di dimostrare l’impiego di seme certificato. Ci si potrebbe anche non preoccupare eccessivamente di questa involuzione, se non si trattasse del grano duro, il cereale più diffuso in Italia e meglio caratterizzante il made in Italy.


Pubblica un commento