Sementi foraggere, è accordo

Flash
Sementi foraggere

Firmato a Bologna presso la sede della Regione Emilia-Romagna il primo contratto quadro nazionale per la moltiplicazione di sementi foraggere. Tra gli obiettivi promuovere la produzione di sementi certificate con elevati standard qualitativi, ma anche migliorare le relazioni tra aziende produttrici e agricoltori moltiplicatori, garantendo un’equa distribuzione del valore lungo tutta la filiera.


L’accordo è stato firmato da Luigi Ferri per Assosementi, in rappresentanza delle aziende sementiere, e da Giovanni Laffi del Coams, per la parte agricola, alla presenza dell’assessore all’agricoltura Tiberio Rabboni.


Il contratto quadro regola la moltiplicazione di tutte le sementi foraggere prodotte sul territorio nazionale nel triennio 2014-2016. A tale scopo vengono approvati specifici contratti tipo, in due versioni diverse a seconda che la ditta sementiera sottoscriva con organizzazioni produttori o con singole imprese agricole, a cui saranno allegati specifici disciplinari di produzione.


Vengono definiti poi il rispetto di standard qualitativi quali germinabilità, impurità, umidità; garanzie sotto il profilo della sicurezza fitosanitaria; tempi e modalità di pagamento; un sistema di calcolo dei prezzi che preveda anche premi o detrazioni in relazione alla qualità del prodotto; attività di assistenza tecnica e contrattuale; l’impegno a un monitoraggio delle superfici contrattate.


L’accordo prevede anche l’istituzione di un comitato, in cui saranno rappresentati sia i produttori agricoli sia le imprese sementiere, per garantire la correttezza nella determinazione del prezzo base da utilizzare nei contratti.

Allegati

Sementi foraggere, è accordo

Pubblica un commento