OGM, IL MINISTRO ZAIA SODDISFATTO DEL NO TEDESCO AL MAIS MON 810

flashNews.gif

«Sono soddisfatto per la decisione presa dall’amica Ilse Aigner che sottolinea il valore del principio della massima prudenza a tutela dei consumatori di  tutta Europa». Così il ministro delle politiche agricole, Luca Zaia, ha commentato la decisione della sua collega tedesca di dire no alle coltivazioni di mais geneticamente modificato Monsanto Mon 810. Su questo principio della prudenza, sottolinea il ministro, «l’Italia non si è mai allontanata».  Il divieto della Germania si aggiunge a quello di altri Paesi della Ue: Francia, Grecia, Austria, Ungheria e Lussemburgo.


Pubblica un commento