Macfrut 3.2, la sfida

MANIFESTAZIONI
TV_15_01_Lorenzo_Piraccini

La concorrenza non ci spaventa. Diffidate
dalle imitazioni”. Con queste parole
il presidente di Cesena Fiera Lorenzo
Piraccini
marca il carattere deciso e concreto
del nuovo progetto Macfrut International,
presentato al Mipaaf alla presenza del
ministro Martina. Macfrut 2015, per la prima
volta negli spazi espositivi di Rimini, rilancia
così l’obiettivo di diventare la più grande fiera
tematica dell’ortofrutta professionale. Tre le
parole d’ordine su cui puntare: innovazione,
apertura a nuovi segmenti della filiera, internazionalizzazione.

L’innovazione parte dall’idea. Investire nelle
idee significa creare futuro. Per questo
Macfrut, attraverso l’allestimento di un’ampia
area dedicata, darà grande spazio a prodotti
e progetti dal carattere innovativo e sperimentale.
Una sezione speciale sarà rivolta
anche alla green economy, perché, come
spiega Piraccini: “La filiera ortofrutticola ha
straordinarie potenzialità che, per diverse
ragioni, non vengono sfruttate. Dobbiamo
intervenire per cambiare questa realtà puntando
su nuovi strumenti di crescita”.

La manifestazione rappresenterà anche un
veicolo di incontro stimolante per le aziende
agricole in cerca di nuove opportunità di business:
“In Italia – sottolinea Piraccini – sono
migliaia le aziende che provano a farsi strada
in questo settore e resistono nonostante la
crisi. Macfrut si rivolgerà anche a loro offrendo
un’opportunità di confronto e la possibilità
di stabilire nuovi contatti. Ci impegneremo
per agevolare la presenza in fiera di 10mila
produttori ortofrutticoli”.

La fiera si articolerà in cinque padiglioni
(quattro dedicati al post-raccolta, uno riservato
al pre-raccolta) ospitanti gli undici
settori espositivi rappresentativi dell’intera
filiera ortofrutticola. Rispetto alle passate
edizioni, Macfrut 2015 allargherà la sua proposta
proponendo nuovi segmenti espositivi:
il sementiero, vivaismo e novità vegetali,
meccanizzazione specifica per frutticoltura
e orticoltura, colture protette, irrigazione
e impiantistica. Tra questi comparti, merita
un’attenzione particolare quello dedicato alla
frutta secca ed essiccata (novità assoluta
a Macfrut) protagonista di un forte sviluppo,
con crescita di volumi e valori.

Per quanto riguarda invece l’internazionalizzazione,
Macfrut punterà a vincere la sfida attraendo
400 buyer da tutto il mondo. Le aree
strategiche d’interesse saranno l’Est Europa
e il Mediterraneo. Particolare attenzione continuerà
ad essere rivolta ai Paesi dell’Africa
sub sahariana, con i quali Cesena Fiera ha instaurato
solidi rapporti commerciali, e a quelli
del Sud America (Brasile su tutti).

Allegati

Macfrut 3.2, la sfida

Pubblica un commento