Latte/2: ok dal Consiglio di Stato alle 50mila tonnellate per la quota B

flashNews.gif

I produttori di latte che avevano subìto il taglio della «quota B» potranno beneficiare della condizione di miglior favore ai fini dell’assegnazione delle nuove quote conquistate dal ministro Zaia a Bruxelles. In pratica si potrà utilizzare il doppio riferimento previsto dalla legge 33/2009: la campagna 2007-08, oppure la media del quinquennio 2004-08. È quanto stabilisce il parere, che ha così sciolto i dubbi interpretativi che avevano indotto ministero delle Politiche agricole e Agea ad assegnare finora, in via cautelativa, le nuove quote sulla base dei dati della sola campagna 2007-08. Con questa decisione si sbloccano così le 50mila tonnellate che erano state trattenute come riserva da Agea, che si sommano alle 115mila tonnellate già distribuite con la prima assegnazione a 3.600 allevatori con la quota B tagliata. (Redazione Agrisole)


Pubblica un commento