LATTE/1. Italia contro i ritiri di burro e latte in polvere

flashNews.gif

L’Italia dice no alla proposta della Commissione Ue di acquistare burro e latte in polvere per rilanciare il settore del latte in crisi. Al Consiglio agricolo di Bruxelles il ministro delle Politiche agricole, Luca Zaia, ha spiegato che i 600 milioni di euro che serviranno alle operazioni di ritiro di quei prodotti dal mercato potrebbero essere destinati, in alternativa, per incentivare abbandoni volontari da parte di migliaia di aziende che in Europa versano già in condizioni di gravi difficoltà. “Se questa ipotesi dovesse raccogliere consensi – ha affermato il ministro – potremmo quantificare in 2 milioni di tonnellate l’anno la quantità di latte definitivamente tolta dal mercato e acquisita dai Governi, che potrebbero farne uso in futuro davanti a crisi di altra natura”. (Redazione Agrisole)


Pubblica un commento