Il riso contro il falso made in Italy

ETICHETTATURA
TV_14_10_mano_riso

«Combattiamo per dare voce all’agricoltore e informare il consumatore». È il grido di battaglia con cui i giovani di Confagricoltura dell’Anga hanno organizzato la 37a edizione della Fiera in campo di Caresanablot – Vercelli. Negli ultimi 5 anni, infatti, per effetto dei negoziati di libero scambio, le importazioni europee di risone da Cambogia e Myanmar sono aumentate da 5mila a 180mila tonnellate all’anno. Quantità elevate, che lasciano aperto il sospetto di triangolazioni commerciali con Paesi non a dazio zero (come l’India).

Una questione che interessa da vicino l’Italia, primo produttore di riso in Europa con 1milione e 400mila tonnellate annue su 250mila ettari. «È ora di un’etichettatura più trasparente – ha detto Alice Cerutti, giovane risicoltrice e presidente dell’Anga di Vercelli nel corso della tavola rotonda organizzata la mattina del 23 febbraio in fiera –. La totale assenza di tracciabilità non tutela il produttore e nemmeno il consumatore».

Nuova normativa

Questo è infatti l’anno di applicazione del Reg. 1.169/2011 sull’etichettatura degli alimenti, che impone novità come l’indicazione dei valori nutrizionali e dell’origine di alcune categorie di prodotti (latte, tutte le carni, olio, miele, ortofrutta). «Una normativa – ha puntualizzato Laura Bersani del laboratorio chimico della Camera di Commercio di Torino – che per ora non introduce l’obbligo di indicare l’origine del riso, come è stato previsto per altre categorie di prodotti in seguito ad emergenze fitosanitarie o sanitarie. Prevale quindi la normativa relativa al made in Italy, per la quale basta il territorio dell’ultima trasformazione». «Un’interpretazione che non ci piace – ha sottolineato l’Europarlamentare Lara Comi, membro della commissione Imco (mercato interno e protezione consumatori) – emersa in seguito agli accordi Wto. Il nostro sforzo è stato quello di introdurre, dove possibile, la tracciabilità per alcune filiere “sensibili”, ma nessuna istanza di questo genere ci è pervenuta riguardo al settore del riso da parte del Governo italiano». «Intanto il forte abbassamento del prezzo, soprattutto delle varietà indica – è l’allarme lanciato da Manrico Brustia della Cia – crea forti incertezze per le prossime semine».

Accordi di filiera

«Bisogna inserire il riso – ha detto Paolo Dellarole di Coldiretti – nella lista dei prodotti per cui è prevista la clausola
di salvaguardia e bisogna percorrere con forza la strada degli accordi di filiera».
«Non si tratta – ha affermato Paolo Carrà, presidente di Ente
Risi – di riproporre la ricetta di un incoerente protezionismo, ma di percorrere con forza la strada  dell’internazionalizzazione». Il riso è una delle colture più  colpite dalla riforma della Pac e soffrirà di un forte calo dei contributi. Deve affidare le proprie chance al mercato e in  questo può essere favorito dal crescente successo che riscuote all’estero il “risottò”. «Ma occorre che sia vero made in Italy». «Siamo sicuri – ha ribattutoMario Francese di Airi,  l’associazione che riunisce le riserie – che sia questa la strada  da percorrere per valorizzare le esportazioni, anche quelle di  indica? Il compito delle industrie è quello di interpretare le  esigenze del consumatore. Alcune stanno percorrendo la strada della tracciabilità, altre stanno preferendo altre strade». «L’indica – ha risposto Carrà – è una risorsa da difendere anche in Italia, frutto dell’intuizione e degli sforzi dei nostri risicoltori». «La questione della tutela dell’origine – ha  concluso Alice Cerutti – deve diventare lo  spunto per  intraprendere con forza la strada di una politica di filiera  condivisa, che parta dal basso».

Allegati

Il riso contro il falso made in Italy

Pubblica un commento