Bilancio UE: per i fondi Pac l’ipoteca dell’ambiente

flashNews.gif

Se non siamo ancora al «terzo pilastro» ipotizzato (e poi subito smentito) dalla Commissione Barroso, ci siamo vicini. Nel futuro della Pac ci sarà sempre più ambiente. Un’altra conferma è arrivata dal recente intervento del nuovo commissario europeo all’Ambiente, Janez Potočnik, che si è spinto fino a proporre di basare gli attuali pagamenti diretti, invece che sulle sempre meno giustificabili rese storiche, su criteri ambientali, nell’ambito di una regionalizzazione più o meno pura. Con premi maggiorati, ad esempio, per le colture permanenti, visti i benefici in termini di lotta al cambiamento climatico e mantenimento della biodiversità. Il commissario ha poi chiesto di continuare nel processo di trasferimento di fondi dal primo pilastro degli aiuti diretti al secondo dello sviluppo rurale e, all’interno di quest’ultimo, di incrementare ulteriormente il peso dei pagamenti agroambientali. (Redazione Agrisole)


Pubblica un commento