Syngenta: Una sola società, un solo catalogo

News dalla imprese
syngenta_catalogo_2014

Nata nel 2000 come unico Gruppo interamente dedicato
all’agricoltura, Syngenta compie nel 2014 un ulteriore passo verso la completa
integrazione delle differenti unità di business, racchiudendo in una sola
società, la Syngenta Italia SpA, le risorse umane ed esperienziali che hanno
permesso di realizzare il catalogo più completo al Mondo in materia di
soluzioni integrate per l’agricoltura.

In esso sono infatti elencati tutti i prodotti e tutte le
novità derivanti dalle precedenti realtà, ovvero Syngenta Seeds, Syngenta Crop
Protection e Syngenta Bioline, unificando in un solo documento un’offerta di
estrema completezza in termini di genetica e di prodotti per la difesa delle
colture, come pure di soluzioni funzionali alle mutate sensibilità di tipo
ambientale, come per esempio gli insetti ausiliari.

Si consolida quindi ulteriormente la vocazione di Syngenta a
mettere gli agricoltori al centro delle proprie attenzioni offrendo loro non
solo prodotti, bensì anche servizi e assistenza. Strategica si è rivelata inoltre
l’implementazione di progetti ad alto valore aggiunto, miranti alla
valorizzazione delle produzioni di qualità attraverso la creazione di filiere
dedicate. Due progetti di grande successo in tal senso sono “Grano Armando”,
dedicato alla produzione di pasta di qualità 100% italiana, e “BisQItaly”,
dedicato invece al settore biscottiero. Entrambe le iniziative poggiano sui
Programmi di Coltivazione CerealPlus di Syngenta, grazie ai quali gli
agricoltori possono sempre contare sulle migliori e più complete soluzioni
attualmente a disposizione in materia di cerealicoltura.

La qualità è scritta
nei geni

La continua ricerca e il meticoloso perfezionamento dei propri
germoplasmi consentono a Syngenta di offrire un panorama di varietà e di ibridi
di assoluta eccellenza qualitativa, capaci di adattarsi alle molteplici realtà
agricole italiane. Di tale ricchezza d’offerta beneficiano sia le colture
industriali ed estensive, sia quelle specializzate, come le numerose orticole
di pregio coltivate in Italia.

I maiscoltori, per esempio, possono scegliere oggi fra 25
ibridi diversi, ognuno vocato specificatamente alla soddisfazione di esigenze
agronomiche e produttive differenti. La novità di assoluto spessore per il 2014
porta il nome di ARTESIAN, una nuova famiglia di ibridi di mais
dall’eccezionale stabilità produttiva. Frutto della ricerca Syngenta, gli
ibridi ARTESIAN rivoluzionano il concetto di resistenza allo stress idrico,
offrendo sempre produzioni superiori sia in condizioni di irrigazione non
ottimale, sia di massima disponibilità di acqua. Ciò rende gli ibridi ARTESIAN
la soluzione ideale per gli agricoltori che vogliano la certezza di raccogliere
il massimo possibile in qualunque regime irriguo. Capofila degli ARTESIAN è SY HYDRO,
ibrido Classe 600 da 130 giorni di ciclo, caratterizzato da ottimo stay green e
da duplice attitudine “granella-trinciato”. Non mancano le novità nemmeno nel
segmento dei mais da trinciato, grazie a SY QUALITAT, un ibrido Classe 700, 135
giorni, che si contraddistingue per l’eccezionale digeribilità della fibra,.

Restando ancora nel settore zootecnico, i sorghi da granella
Syngenta vedono poi l’ingresso di ALBANUS, il nuovo ibrido di riferimento per
il colore bianco della granella, e ARMAX, ibrido a granella rosata, precoce e
affidabile in tutti gli ambienti.

Anche il catalogo dedicato ai cereali cresce, grazie
all’arrivo di due nuove varietà di grano duro, ASTERIX e OBELIX, e due di
tenero, ovvero SY IDEO e SY MOISSON.

Occhi puntati anche sui nuovi orzi ibridi della linea HYVIDO,
cioè SY BOOGY, TATOO e VOLUME, tre opportunità d’eccellenza per la filiera
zootecnica e del biogas. Caratterizzati da eccellente sanità e vigore delle
piante e da elevatissime produttività alla raccolta, gli ibridi HYVIDO nascono
da un’innovativa tecnologia, esclusiva di Syngenta, e rivoluzionano l’approccio
produttivo alla coltura dell’orzo.

In continua espansione anche la gamma di girasole, arricchita
quest’anno dall’arrivo di NK Okanda, il nuovo ibrido potente e produttivo, basato
sulla genetica Syngenta più evoluta, e Colombi, un ibrido IMI alto-oleico dal
ciclo medio-precoce, molto versatile e robusto.

Infine, anche la barbabietola porta la sua novità: KARTA, la
nuova varietà di Syngenta tollerante ai nematodi, caratterizzata dallo sviluppo
equilibrato e da un ottimo rapporto tra resa in radici e polarizzazione.

Sempre più al centro l’orticoltura di qualità

Da sempre a livelli d’eccellenza, l’offerta di genetiche
innovative si rafforza anche nel settore delle colture orticole. Nel mercato
delle Angurie si aggiungono infatti WDL8001 e FASCINATION: entrambi vocati al
pieno campo, sono caratterizzati il primo da ciclo di medio, il secondo invece
da medio-tardivo nel segmento Crimson senza semi.

Novità anche fra le brassicacee, con l’arrivo di TOLABARON fra
i cavolfiori bianchi di ciclo lungo e di MONRELLO e MONTEVIDEO fra i broccoli.
Ben sei le novità fra gli ortaggi a foglia, con tre nuove varietà di scarola,
PARUNES, ROCHES e TERRES, tutte da pieno campo e destinate al segmento della
quarta gamma. Ad esse si aggiungono anche due batavia, ovvero FAVOLA e
GLORIOLE, rispettivamente da serra e da pieno campo, ideali per il mercato del
fresco. Infine, ma solo per prove sperimentali, giunge anche una varietà di
iceberg siglata LS12523.

Quattro i nuovi inserimenti a catalogo per il melone, con un
“gialletto” medio-precoce siglato MYC17464 e due Italo-americani, ovvero
l’MB8025 e VALERIO. Il primo è un “medio” per le coltivazioni di pieno campo
con elevate resistenze, il secondo invece è un precoce per coltivazioni
protette. Infine, fra i Piel de Sapo giunge MURAL, un precoce da coltivare in
ambiente protetto.

Circa lo zucchino salgono addirittura a 58 le varietà
disponibili, fra le quali spiccano due genetiche innovative. Fra gli screziati
chiari si posiziona infatti MELISSA, vocato al mercato fresco con fiore e
coltivabile sia in pieno campo sia in serra, mentre fra i medio-scuri si
aggiunge EROS, varietà da pieno campo.

Completano l’offerta numerosi ibridi innovativi per Pomodoro,
sia da mercato fresco che da industria, Portainnesti, Peperone e colture
industriali.

Linee di protezione
sempre più integrate ed efficaci

Continua il consolidamento del catalogo Syngenta anche per
quanto riguarda i prodotti per la difesa delle colture.

Nel
segmento dei fungicidi VIBRANCE GOLD è il primo fungicida sviluppato
specificatamente per la concia delle sementi, con spiccata azione biostimolante.
A base di sedaxane, fludioxonil e difenoconazolo, VIBRANCE GOLD è il nuovo
standard per la protezione delle radici.

Grazie
all’effetto “rooting power” garantisce sanità degli apparati radicali di
frumenti e orzi in ogni condizione, eccellente investimento iniziale, superiore
vigoria e sanità delle plantule, ponendo le basi per massimizzare le produzioni
alla raccolta.

Un’altra novità siginificativa tra i fungicidi è l’arrivo di
DYNALI, antioidico per la vite che unisce la complementarietà d’azione di
cyflufenamid e difenoconazolo. DYNALI assicura quindi la massima protezione di
foglie e grappoli anche nelle condizioni più estreme di pressione del patogeno,
risultando efficace anche ne confronti di ceppi che abbiano sviluppato
resistenza verso altre famiglie di prodotti.

In materia di orticole, ORTIVA, a base di azoxystrobin, ha
recentemente ottenuto l’estensione d’impiego su patata.

Non vi sono però solo molecole di sintesi nel catalogo
fungicidi di Syngenta: TELLUS è infatti un nuovo fungicida naturale a base di Thricoderma asperellum e Thricoderma gamsii, entrambi efficaci
nel contenimento dei funghi patogeni del terreno che attaccano il colletto
delle colture orticole.

Fra gli insetticidi si rafforza il marchio FORCE. Il noto
formulato granulare ad ampio spettro d’azione, utilizzato per la
geodisinfestazione di numerose colture orticole e industriali, viene affiancato
da FORCE 20 CS, una soluzione già impiegata
per la concia delle sementi di barbabietola da zucchero e ora adottata anche
per la concia del seme di mais.

Nel segmento diserbi trova conferma lo storico marchio
“GHIBLI”, erbicida sistemico per il mais eccellente soprattutto nel controllo
della Sorghetta da seme e da rizoma, grazie alla nuova formulazione GHIBLI 240
OD, ad alta concentrazione basata su solventi derivati da oli vegetali che ne consentono
una rapida dispersione in acqua.

A protezione della coltura del girasole si inserisce invece LISTEGO,
innovativa soluzione per il diserbo degli ibridi di girasole tolleranti
all’erbicida Imazamox. Dotato di ampio spettro d’azione, LISTEGO eccelle
specialmente nel controllo di girasole selvatico e Xanthium.

Ausiliari al servizio
dell’agricoltore

Sempre più profonda l’integrazione fra agrofarmaci e soluzioni naturali. La
Linea Syngenta Bioline offre infatti un
ventaglio di insetti utili capaci di contenere fitofagi e fitomizi esercitando
un controllo delle popolazioni del tutto naturale. I benefici dell’integrazione
fra chimica e insetti ausiliari si esaltano soprattutto nella difesa delle
colture orticole in serra, le quali possono contare su otto differenti
prodotti. ADALINE B (Adalia bipunctata), è efficace nella predazione degli afidi,
EXHIBITLINE SC (Steinernema carpocapsae) e EXHIBITLINE SK (Steinernema
kraussei) contengono le popolazioni di Oziorrinco della vite, mentre
EXHIBITLINE SF (Steinernema feltiae) ostacola la diffusione delle larve di
sciaridi. Ad essi si affiancano HYPOLINE M (Stratiolaelaps scimitus) efficace
contro le larve di sciaridi e i tripidi, e ORILINE M (Orius majusculus),
specifico contro Frankliniella occidentalis e Thrips tabaci. Infine STAPHYLINE
C (Atheta coriaria), antagonista di Bradysia spp., Lycoriella spp., Sciara spp.
e di Scatella Spp. Per le colture arboree si propone invece ANTHOLINE N (Anthocoris
nemoralis), predatore in grado di contenere le popolazioni di Psilla del pero.

La responsabilità guarda
lontano

Syngenta crede fortemente nella necessità di promuovere l’intensificazione
colturale sostenibile, offrendo soluzioni in grado di produrre più cibo
utilizzando meno risorse.

Da qui nasce The Good Growth Plan (GPP) che viene ad affiancare i numerosi
e consolidati progetti di Agricoltura Responsabile. Si tratta di un insieme di
impegni concreti a sostegno del futuro dell’agricoltura globale. Lanciato nel
settembre 2013, GGP rappresenta l’impegno di Syngenta per la sicurezza e la
sostenibilità alimentare del pianeta.

The Good Growth Plan ha fissato sei differenti impegni da raggiungere entro
il 2020, ovvero l’aumento del 20% della produttività media a parità di risorse impiegate,
il miglioramento della fertilità di 10 milioni di ettari agricoli a rischio di degrado
e l’arricchimento in biodiversità di 5 milioni di ettari di terreno agricolo.
Un occhio attento è stato posto anche a favore dei piccoli produttori, in
particolare nei paesi in via di sviluppo, ai quali Syngenta intende fornire il
proprio supporto al fine di aumentare la loro produttività del 50% e di formare
20 milioni di giovani agricoltori in materia di sicurezza sul lavoro. Tutti
obiettivi che Syngenta intende raggiungere anche garantendo condizioni di
lavoro eque in tutta la rete di clienti e fornitori.

Il catalogo generale 2014 Syngenta è disponibile in PDF cliccando qui


Pubblica un commento