Laverda, solidarietà alle popolazioni colpite dal terremoto

Laverda_totem.jpg

L’iniziativa di solidarietà promossa congiuntamente da Confindustria e dalle Segreterie Generali di Cgil, Cisl, Uil per aiutare le popolazioni, i lavoratori e il sistema produttivo dei territori dell’Emilia Romagna e della provincia di Mantova danneggiati dai recenti eventi sismici è stata fatta propria da Laverda e dalle maestranze del sito produttivo Agco di Breganze.
Tutti i lavoratori e le lavoratrici, anche coloro che operano in somministrazione, devolveranno il corrispondente di un’ora del proprio lavoro in segno di solidarietà e di sostegno alle popolazioni ripetutamente colpite dal terremoto in questi giorni. Dal canto suo, Laverda parteciperà all’iniziativa di solidarietà con un contributo equivalente, da destinare ad interventi di supporto per le popolazioni e ai fini della ricostruzione del tessuto produttivo di quelle aree, tanto duramente danneggiate.
«Il sistema produttivo della regione Emilia Romagna – ha dichiarato Francesco Quaranta, Vice President & General Manager Harvesting Agco e amministratore delegato Laverda – deve essere sostenuto in un momento così delicato per il rilancio della nostra economia e del sistema-Paese».
Fra le aziende lesionate dagli eventi sismici, vi sono anche fornitori e partner commerciali di Laverda, e questo accresce la sensibilità di lavoratori e lavoratrici dell’impianto produttivo di Breganze verso le difficoltà delle popolazioni colpite. Ecco perché, oltre al contributo economico, le maestranze e le Rsu aziendali, hanno istituito in azienda un punto di raccolta di generi di prima necessità che rimarrà attivo fino al 16 giugno.
Tutto il materiale accumulato sarà recapitato direttamente ai Comuni delle zone terremotate, grazie alla collaborazione di “Highway Truck Team” di Thiene (Vi), associazione di autotrasportatori, i quali effettueranno le consegne con i loro camion. «Ci auguriamo che la nostra solidarietà possa contribuire ad alleviare, almeno in parte, il momento drammatico che quelle popolazioni stanno vivendo», ha concluso l’ad di Laverda.


Pubblica un commento