Consorzio melicolo VOG: buone notizie per la nuova stagione

AZIENDE E PRODOTTI
vog_mele

Nella stagione 2012/2013 è previsto un calo della produzione europea di mele, che si assesterà sui 9,7 milioni di tonnellate, con un -9% rispetto alla stagione precedente. A confermarlo è il Direttore del Consorzio VOG Gerhard Dichgans che a pochi giorni dall’inizio della campagna commerciale 2012/13 e con in mano i dati presentati in occasione della ultima edizione di Prognosfruit – l’appuntamento annuale dedicato alle stime di raccolta che quest’anno si è svolto a Tolosa dal 2 al 4 agosto – guarda con ottimismo ai prossimi mesi di lavoro.
Dopo il raccolto record del 2011 – commenta il direttore Dichgans – in Alto Adige ci aspettiamo un calo di circa il 15% a causa delle gelate di Pasqua e di un aprile particolarmente piovoso e umido. E potrebbe sembrare un ritorno ad una produzione solo leggermente sotto la media. Quello che cambia però è il contesto della offerta a livello europeo, molto diverso rispetto alla stagione passata: il raccolto dei 27 paesi UE dovrebbe infatti rimanere al di sotto della soglia ‘psicologica’ delle 10 milioni di tonnellate, che garantirà un buon equilibrio tra domanda e offerta e stabilità dei prezzi.
Le previsioni sulla prossima stagione anticipano inoltre una crescita della produzione polacca e un forte calo in Europa Centrale e Occidentale. “La Polonia avrà un buon raccolto – conferma Dichgans – e sarà anche un grande esportatore soprattutto nei paesi limitrofi, in particolare Europa dell’Est e Russia. Il brutto tempo e i problemi riscontrati durante il periodo di impollinazione, invece, hanno influito negativamente sui raccolti di Francia, Spagna, Belgio, Olanda che subiranno un calo complessivo del 30% rispetto alla campagna 2011/12. Questo sì avrà un grande impatto sugli equilibri del mercato della mela e sui flussi commerciali: nei mercati export dove tradizionalmente siamo presenti, l’offerta concorrente sarà molto contenuta, con evidentemente un riflesso anche sui livelli di prezzo delle mele”.

VOG, un bilancio della stagione 2011/12

Il Consorzio VOG è reduce da una stagione partita in salita. “L’inizio della campagna 2011/12 è stato influenzato negativamente dall’eccesso di produzione nei maggiori bacini produttivi, in molti nostri paesi di sbocco come la Germania”, conferma il direttore del Consorzio. “L’inversione di tendenza si è verificata a fine aprile e inizio maggio, quando è stato chiaro a tutti che dall’emisfero Sud sarebbero arrivati quantitativi nettamente inferiori alle attese. Questo ha dato respiro al mercato, soprattutto per quanto riguarda le varietà Golden e Braeburn. Le varietà rosse e bicolori, invece, hanno avuto sempre una buona domanda, aiutate anche dalle crescente domanda proveniente dai mercati nordafricani ed arabi.
 Oggi, rimangono solo poche tonnellate di Golden, per le quali abbiamo programmi fissi con nostri clienti che ci chiedono di fare il “ciclo” completo fino all’arrivo del nuovo raccolto.

Nuovi mercati: occhi puntati su Mediterrano e Nord Africa

Nella prossima stagione, il mercato chiave per noi resta l’Italia, dove prevediamo un mercato più equilibrato e una situazione più stabile nei prezzi – prosegue Dichgans – aumenta però la nostra attenzione a nuovi mercati che fino a pochi anni fa non rientravano fra i nostri obiettivi: mi riferisco in particolare ai paesi e alle isole del bacino del Mediterraneo, al Maghreb e ai Paesi Arabi. In queste Nazioni abbiamo costruito rapporti commerciali stabili e siamo pronti a cogliere le grandi opportunità emerse dai cambiamenti politici ed economici dell’ultimo periodo.

Innovazione: cresce l’importanza delle varietà a Club

Oltre che sui nuovi mercati, quest’anno la proposta commerciale del VOG punterà anche sulle varietà e la gamma innovativa dei suoi marchi. “Per quanto riguarda le varietà club, oltre alla ben conosciuta e introdotta Pink Lady®, aumenta il raccolto per Kanzi®, Jazz® e Modì® – spiega Dichgans. Quello che fino pochi anni fa poteva sembrare per noi un piccolo segmento di mercato oggi rappresenta una vera e propria offerta commerciale programmabile insieme ai nostri clienti”.

VOG: energie pulite e responsabilità ambientale

L’impegno del VOG è anche rivolto all’ambiente. “Ad oggi abbiamo installato 14mila metri quadri di pannelli solari sui tetti dei nostri magazzini e delle celle frigorifere – illustra Dichgans – questo impianto è in grado di produrre 15 milioni di kwh all’anno, in grado di coprire una parte importante del fabbisogno di elettricità per le celle di stoccaggio e le linee di lavorazione del prodotto. Il risparmio annuo di anidride carbonica è quantificabile in oltre 8mila tonnellate, paragonabile alle emissioni di 1.800 auto che percorrono 30 mila km ogni anno”.

Marlene®, nel 2012/13 il marketing si concentra su ampiezza varietale e social media

La varietà e la ampiezza della offerta di mele sarà anche al centro delle nuove iniziative di comunicazione del brand Marlene®: “Per quest’anno abbiamo pensato di concentrare i nostri messaggi sull’essenza dell’offerta Marlene®: la gamma varietale proposta – conferma Dichgans. Abbiamo creato un nuovo spot che integrerà quello dell’Albero di Mele Marlene® e che sottolineerà l’eterogeneità dei gusti e dei colori delle nostre varietà, dalla Royal Gala alla Golden, dalla Granny Smith alla Red Delicious e per finire la Fuji”.

Nella comunicazione di Marlene® per la prossima stagione grande rilevanza avranno anche i social media, in particolare Facebook dove il brand di punta del Consorzio VOG conta oltre 42mila fan. “Oggi siamo la prima marca dell’ortofrutta italiana su questo social network – commenta Dichgans – Dopo questo successo, andremo a consolidare la nostra presenza su questo strumento con attività mirate dedicate ai nostri tanti affezionati”.

Per informazioni www.vog.it


Il Direttore del Consorzio VOG, Gerhard Dichgans


VOG impianto fotovoltaico


Pubblica un commento