Mercato cereali, i prezzi dal 29 maggio al 4 giugno 2015

Graf-Tenero-600x360.jpg

Frumento tenero. Frumento duro. Mais. Cereali foraggeri e oleaginose

Leggi l’articolo originale Mercato cereali, i prezzi dal 29 maggio al 4 giugno 2015 su Terra e Vita.

Frumento tenero  

freccia_uguale ITALIA le condizioni agronomiche del nuovo raccolto restano positive alla pari dello scenario Europeo. I molini hanno un livello di scorte che gli permette di attendere la trebbiatura e sul mercato resta senza riscontro di domanda l’offerta di quanto resta di vecchio raccolto. Si rasserena anche il dubbio sulla qualità (non piove) anche se una latente siccità potrebbe condizionare le rese. Tuttavia il quadro resta stabile e sulle mercuriali i misti rossi si confermano a 190 €/t partenza, con i grani di forza a premio di un 35-40 €/t; esteri stabili con l’euro in rafforzamento a compensare la volatilità (rialzista?) mondiale.

Frumento duro

Graf_Duro Freccia_Verde ITALIA l’inversione di tendenza si consolida e lentamente il mercato si avvia a consolidare un finale (e salto) di campagna a livelli simili al 2014. La domanda deve coprire poco per arrivare a congiuntura, ma di grano disponibile non se ne trova e tanto basta per surriscaldare le piazze con aumenti di 2 €/t. Il nuovo raccolto procede bene ed al momento le attese di qualità sono buone; gli operatori si affrettano a stornare i contratti di “generico/mercantile” (nazionale, comunitario ed estero) siglati nei mesi passati con rischio di riportare il deficit Italia ai livelli storici. Il tipo Fino si consolida oltre 300 €/t (+2) arrivo Nord, con i mercantili “non quotati” per assenza di disponibilità fisica di prodotto.

Mais

Graf_Mais freccia_uguale ITALIA le temperature arrivano di colpo a livelli estivi e questo comporta un (temporaneo) deterioramento dello stato agronomico con necessità di irrigare i campi. Il tutto si riflette sul mantenimento dei prezzi anche in assenza di nuova domanda. Gli utilizzatori sono da settimane coperti a “futuro” fino ai primi del 2016 ed il mercato vive di “ricoperture” dei commercianti più che di nuovi scambi; sempre forte la concorrenza comunitaria ed estera, soprattutto da Agosto in poi. Su Bologna e Milano si registrano invariati con il mais nazionale sui 160 €/t arrivo, il comunitario a premio di 5 €/t e l’Ucraino di un 15-17 €/t.

Cereali foraggeri e oleaginose

Graf_Foraggeri freccia_uguale ITALIA Cereali Foraggeri: la poca richiesta dal settore zootecnico e i raccolti in “positivo” avvicinamento, indicano di ridurre le coperture. Si offre l’orzo a prezzi arrivo Nord sui 178 €/t, con i teneri sui 190 €/t partenza ed il sorgo bianco nominale a 172 €/t partenza; sempre ampia la disponibilità di prodotto comunitario ed estero sui porti. Oleaginose: ulteriore cedimento dei prezzi della soia con l’euro che annulla la volatilità sul CBOT. Cresce l’attenzione al clima in nord Italia, ma la nazionale quota 363 €/t partenza con “spread” negativo di 6-7 €/t rispetto all’origine estera. Il commento completo sui prezzi europei e mondiali su Terra e Vita 23 L’Edicola di Terra e Vita