Maschio Gaspardo presenta Renata: robustezza e precisione

News dalla imprese
maschio_gaspardo_renata

Trainata, pieghevole con
riduzione degli ingombri a soli 3 m, è dotata di una capiente tramoggia (1600
l) che consente la contemporanea distribuzione del fertilizzante mediante
interramento nelle interfila (la posizione può essere scelta a piacere). Il
collegamento ai due punti inferiori del trattore garantisce ottima
manovrabilità e la possibilità di utilizzare trattori di bassa potenza
(indicativamente 100 CV).

Il movimento agli organi di
semina viene fornito dalla ruota di contatto che trasmette il moto ricevuto
dalla ruota di sostegno della macchina. La regolazione della dose del seme
avviene mediante i due cambi a leve posizionati sul retro della seminatrice,
tra gli elementi.

Prima che avvenga la deposizione
del seme, un disco zigrinato montato sul seminatore e che precede l’assolcatore
a doppio disco, esegue un taglio del terreno. L’organo di taglio e deposizione
del fertilizzante è montato su un sistema a molla di carico che consente una
miglior adesione alla superficie. È possibile regolare facilmente la posizione
del disco per evitare che si sovrapponga alla linea di semina.

L’assolcatore a doppio disco è
montato su un parallelogramma articolato e non richiede lubrificazione perché
sono presenti boccole autolubrificanti. Il disco anteriore realizza una prima
aggressione dei residui per tagliarli o spostarli dalla linea di semina, oltre
che a eseguire un taglio del terreno dove poi passerà l’assolcatore. Gli organi
di deposizione sono costituiti da una coppia di dischi lisci (420 mm)
convergenti verso il fondo del solco di semina. La chiusura del solco è
realizzata da una coppia di dischi che lavorano inclinati rispetto alla
verticale, la loro pressione al suolo è facilmente registrabile mediante
l’apposita leva.


Pubblica un commento