La Ue non difende il riso italiano dalle importazioni asiatiche

Riso_Flash-600x400.jpg

Fallita la missione della Commissione europea in Cambogia: l’Ente Risi chiede il ripristino dei dazi doganali. E organizza per gennaio 2017 una riunione a Milano dei paesi europei produttori di riso

L’articolo La Ue non difende il riso italiano dalle importazioni asiatiche è un contenuto originale di Terra e Vita.

L’Ente Nazionale Risi ha organizzato a gennaio 2017 a Milano una riunione di tutti i Paesi europei produttori di riso (Italia, Spagna, Portogallo, Grecia, Francia, Romania, Bulgaria e Ungheria) per creare un fronte comune nel confronto con l’Unione europea. La posizione italiana è quella di richiedere l’immediato ripristino dei dazi alle importazioni di riso da Cambogia e Myanmar, aboliti nel 2009. L’emergenza è determinata dal record delle importazioni comunitarie di riso lavorato “Indica” nella campagna 2015/2016 e dalla riduzione delle esportazioni comunitarie che hanno generato un aumento degli stock comunitari di riporto nella campagna attuale.

La produzione italiana di riso, dice l’Ente Risi, è messa in pericolo dalle importazioni di Indica a dazio zero da Cambogia e Myanmar. Nel 2015 la Ue aveva raccomandato al governo cambogiano di stabilizzare i volumi dell’export di riso verso l’Europa, ma la promessa è stata totalmente disattesa, tanto che la Commissione europea ha nuovamente inviato una sua delegazione in Cambogia il 13 luglio 2016; un incontro che non ha prodotto alcun risultato concreto. «In realtà l’impegno della Commissione sembra essere soltanto di facciata – ha dichiarato Paolo Carrà, presidente dell’Ente Nazionale Risi – perché non ha mai voluto, sinora, assumere decisioni formali nei confronti di Cambogia e Myanmar. Le sole promesse degli operatori cambogiani non bastano a salvaguardare gli interessi della filiera risicola comunitaria. È necessario quindi unire le forze per arrivare a Bruxelles con una posizione comune che convinca le Istituzioni comunitarie ad agire con rapidità».

Nella foto un angolo della Banca del germoplasma, gestita dal Centro ricerche sul riso dello stesso Ente Risi.