Inizia dalla coltivazione il lavoro di Conserve Italia

2-Raccolta-Pomodoro-Pomposa-476-600x400.jpg

Le strategie produttive dell’industria bolognese secondo il suo Ufficio agronomico

L’articolo Inizia dalla coltivazione il lavoro di Conserve Italia è un contenuto originale di Terra e Vita.

È in atto una sensibile diminuzione dei consumi di pomodoro e dei suoi derivati, come ricorda anche il box pubblicato in questa pagina. Questa flessione ha modificato in modo importante le scelte di management di tutte le aziende o società operanti nel settore, che si sono convinte dell’opportunità di cercare di esaltare la presenza di una filiera produttiva.

A questo fine Conserve Italia, la prima cooperativa europea nel mondo del trasformato, ha sfruttato una propria peculiarità: quella di essere controllata direttamente dalle cooperative agricole socie. Una situazione che implica un forte legame con il territorio e che quindi permette di valorizzare come italiana la produzione agricola; e di offrire al consumatore solide garanzie sull’origine della materia prima e sulla qualità dei prodotti finiti.

 

Quattro stabilimenti

Nella stagione appena conclusa, il Gruppo bolognese ha trasformato ben 4 milioni di quintali di pomodoro nei suoi quattro stabilimenti. Le regioni di produzione sono:

–  Emilia Romagna: dove troviamo due siti produttivi, quello di Pomposa (Fe) e quello di Ravarino (Mo), specializzati nella produzione di polpe, passate, sughi e concen-trati.

–  Toscana: qui troviamo lo stabilimento di Albinia (Gr), specializzato nella produzione di polpe, passate e concentrati.

–  Puglia: in questa regione l’industria si trova a Mesagne (Br); la sua peculiarità è la produzione, per l’intero gruppo, di pelati, pomodorini e salse da pelato.

 

Leggi l’articolo completo su Terra e Vita 2/2017 L’Edicola di Terra e Vita