I prezzi agricoli di Ismea per Terra e Vita (27 febbraio – 6 marzo)

prodotti_agricoli_ismea-600x400.jpg

Cereali, zootecnia, foraggeri, lattiero-caseari, olio, semi, uova e vino

L’articolo I prezzi agricoli di Ismea per Terra e Vita (27 febbraio – 6 marzo) è un contenuto originale di Terra e Vita.

CEREALI

Ancora una settimana caratterizzata da una sostanziale stabilità nel mercato nazionale dei cereali a paglia, con le quotazioni medie dei frumenti e dell’orzo ferme sui livelli della precedente rilevazione in tutti i principali centri di scambio del paese. Listini stabili anche per i prodotti della macinazione, che seguono il trend commerciale delle materie prime, mentre il mais ha registrato dei leggeri assestamenti al rialzo (+1-2 €/t) in gran parte delle piazze di riferimento grazie ad una discreta attività della domanda. I semi di soia si sono apprezzati di 5 €/t a Bologna e di 4 €/t a Milano.

BOVINI

Andamento calmo per il comparto in questa settimana. Cali delle quotazioni di mezzene, selle e busti di vitello da macello sono stati registrati su alcune delle principali piazze di scambio. Le commissioni di Padova e Reggio Emilia hanno segnalato una situazione stazionaria mentre al mercato di Montichiari sono stati registrati lievi cali per vitelloni e manze e un aumento per i vitelli baliotti da 56/60 kg.

SUINI

Prosegue l’andamento attivo del comparto dei suinetti da allevamento che registrano   ancora aumenti decisi su tutte le piazze. la previsione CUN per la prossima settimana mantiene ancora questo trend al rialzo, favorito da un’offerta contenuta. Per i suini grassi il mercato è apparso più equilibrato, con quotazioni prevalentemente stazionarie. La rilevazione della CUN indica per la prossima settimana una quotazione a 1.577 €/kg con un aumento di 2 millesimi. I tagli hanno registrato alla Borsa di Modena aumenti per pancette, coppe e lombi mentre gole, lardello, grasso e cosce DOP di peso superiore sono in calo, Per la prossima settimana la CUN non è riuscita a raggiungere alcun accordo per determinare le quotazioni dei tagli a conferma di una situazione di mercato di difficile lettura.

AVICUNICOLI

Il mese di febbraio si chiude con un andamento discreto delle quotazioni; spunti positivi si registrano per avicoli e conigli sia sul vivo che sul macellato. Si evidenzia un consumo di carne più contenuto nel caso dei polli che comunque riescono a mantenere, non senza fatica, livelli di prezzo discreti. L’offerta di vivo è contenuta e i pesi medi al carico anche. Continua il momento positivo delle galline che consolidano ulteriormente gli aumenti ottenuti nel corso del mese; irrilevante come sempre la componente estera, visto il livello di prezzo raggiunto. Il mercato delle faraone pare essersi assestato sui vecchi equilibri, non si registrano disavanzi di prodotto, pertanto le quotazioni dovrebbero mantenere. Poco cambia nell’impostazione di mercato del tacchino, qualche piccolo spunto positivo si registra su vivo e macellato; quest’ultimo non sempre valorizzato nei tagli (fesa e cosce in primis). Prezzi altalenanti per il coniglio che comunque gode di una situazione discreta, tendente al miglioramento. Andamento sostenuto dei consumi di uova che inevitabilmente, anche questa settimana, rafforzano le loro posizioni.

LATTIERO-CASEARIO

In questa prima settimana del mese marzo dopo le precedenti di sostanziale stabilità, lo zangolato ha registrato un aumento nelle quotazioni portando il valore a 2,33 euro al chilo sulle piazze di Parma e Reggio Emilia , a 2,53 euro al chilo a Mantova e a 2,73 euro al chilo a Milano. Gli scambi sono stati definiti dalla maggior parte degli operatori nella norma per il periodo. Per quanto concerne i formaggi grana a denominazione hanno mostrato dinamiche differenti. Per il Parmigiano tutti i valori rimangono ancorati sui precedenti livelli evidenziando una congiuntura di totale stabilità. Per i Grana Padano, invece i listini hanno ceduto su tutti i centri di scambio e per tutte le varietà. Le maggiori flessioni vengono registrate e Mantova di ben 10 centesimi al chilo. Per il latte spot la settimana corrente non mostra variazioni di rilievo.

Scarica i prezzi dei prodotti agricoli