Emissioni, agricoltura in allarme

grilled beef steak

Prima dell’estate dovrebbe arrivare una proposta legislativa relativa alla riduzione delle emissioni nei settori non coperti dall’Ets (quote di emissione)

Il sistema comunitario di scambio di quote di emissione (Ets) è attualmente in corso di revisione a Bruxelles, ma quello che preoccupa il settore agricolo europeo è quello che ancora non c’è. Prima dell’estate, infatti, dovrebbe vedere la luce una proposta legislativa relativa alla riduzione delle emissioni nei settori non coperti dall’Ets: agricoltura appunto, ma anche il settore dei trasporti, della gestione dei rifiuti e quello della costruzione.

Di questo si discute tra i Ministri agricoli riuniti a Bruxelles nel momento in cui si scrive (Consiglio agricoltura del 17 maggio). Il trend della discussione è già immaginabile. Il settore agricolo è pronto a fare la sua parte, ma non si devono dimenticare in particolare tre aspetti essenziali: il ruolo dell’agricoltura nell’immagazzinare CO2, la mission chiave della produzione di alimenti per nutrire il pianeta e i contributo potenziale della bioeconomia.

Ovviamente però il Consiglio sta affrontando anche le problematiche legate alle crisi dei mercati, con particolare riferimento al lattiero-caseario, definito dal Commissario Phil Hogan come l’unico che attraversa veramente un momento di grande difficoltà.

Nessuna misura concreta è attesa come output di questa riunione; decisiva sarà invece la riunione di giugno, l’ultima sotto Presidenza olandese (27 e 28 giugno a Lussemburgo), in cui potrebbero essere sbloccate risorse supplementari per allieviare le sofferenze del settore (probabilmente attraverso l’utilizzo della riserva di crisi). Intanto il mercato del latte continua a registrare una flessione dei prezzi (-4% a livello Ue) e la principale novità del pacchetto anti-crisi, la gestione volontaria della produzione, non sembra sortire gli effetti auspicati, e la produzione continua ad aumentare, a livello comunitario ma anche nel resto del mondo (+1,8 in Usa, +2% in Nuova Zelanda).

 

Leggi l’articolo completo su Terra e Vita 20/2016 L’Edicola di Terra e Vita