Effetto terremoto sul turismo rurale: -50%

Summer cottage agriturismo in Tuscany, Italy

Cia: dimezzato il numero delle prenotazioni. Ma agibile il 95% degli edifici

L’articolo Effetto terremoto sul turismo rurale: -50% è un contenuto originale di Terra e Vita.

«Agriturismi vitali per le aree interne della dorsale appenninica, valgono oltre 170 mln di euro e presidiano il territorio. Serve una grande campagna di promozione per scongiurarne l’abbandono». Questo, l’appello di Turismo Verde-Cia in occasione dell’Assemblea nazionale tenutasi a Spoleto presso l’agriturismo “Il Baio”.

A segnare in negativo le presenze (-50%): l’effetto “panico”, che ha coinvolto anche aree distanti dai crateri quali, Marche, Umbria, Abruzzo e Lazio, dove le strutture ricettive sono sicure e integre.

Come raccontano i dati di settore dell’Ufficio studi della Cia, la situazione degli agriturismi situati all’interno del cratere del sisma è drammatica: 655 aziende che, tra danni e assenza di guadagni, hanno già visto sfumare circa 12 mln di euro dal 24 agosto a oggi.

«Con oltre 1 mld di euro di fatturato medio annuo – ha affermato il presidente nazionale della Cia Dino Scanavino – il movimento agrituristico in Italia è un fenomeno in costante crescita dal 1985 (+55% in dieci anni), e rappresenta uno degli asset più performanti del settore primario e dell’economia nazionale. Il ruolo multifunzionale dell’azienda agricola ha consentito di garantire, oltre alla manutenzione e alla difesa di territori e paesaggi tipici, un indotto non secondario per le altre attività turistiche e commerciali.

Solo nelle regioni della dorsale appenninica colpite dal terremoto questo valore complessivo è quantificabile in circa 300 mln di euro: sinonimo di occupazione, sviluppo e oggi possibilità di rinascita».

Secondo Turismo Verde, infatti, la rinascita del Centro Italia passa anche per le imprese agricole e agrituristiche, fondamentali per garantire la tenuta del tessuto socio-economico di queste zone del Paese, soprattutto delle aree interne.

Leggi l’articolo completo su Terra e Vita 10/2017 L’Edicola di Terra e Vita