È nato il consorzio di tutela della Patata di Bologna Dop

Il nuovo logo accompagnerà il prodotto venduto a partire da luglio. La quantità offerta ammonta a circa 11mila tonnellate, per…

Senza-titolo-1.jpg

Il nuovo logo accompagnerà il prodotto venduto a partire da luglio. La quantità offerta ammonta a circa 11mila tonnellate, per 350 ettari

L’articolo È nato il consorzio di tutela della Patata di Bologna Dop è un contenuto originale di Terra e Vita.

Da luglio, ossia dai nuovi raccolti, sui banconi dei supermercati compariranno sacchetti di patate distinti da un nuovo e originale logo: due patate stilizzate che ricordano le Torri di Bologna. Lo vediamo nella foto pubblicata qui sotto. È il logo del prodotto ottenuto e protetto da un nuovo consorzio di tutela, nato in questi giorni, il Consorzio di tutela della Patata di Bologna Dop.

Più precisamente il Consorzio della Patata di Bologna dop si è oggi trasformato in Consorzio di tutela della Patata di Bologna Dop. Spiega  Alberto Zambon, presidente del Consorzio: «Siamo in conclusione di un percorso burocratico durato quasi 16 anni che ha visto come primo traguardo l’ottenimento della dop nel 2012; è stata la prima patata italiana insignita della dop. E oggi è stato raggiunto il secondo traguardo, la nascita del Consorzio di tutela, con il riconoscimento Mipaaf ottenuto il 28 dicembre scorso». 

Commenta ancora Zambon: «Si tratta della naturale evoluzione del riconoscimento di un prodotto che, come tutte le denominazioni di origine, è prima di tutto una proprietà intellettuale del territorio. Un prodotto che è un’espressione dell’alto livello di aggregazione del sistema pataticolo bolognese. La patata di Bologna dop è frutto della tradizione agricola locale, di areali vocati, di sapienza produttiva, di innovazione e impegno costanti».

 

Leggi l’articolo completo su Terra e Vita 6/2017 L’Edicola di Terra e Vita