Dieci anni di agricoltura in un click

CONCORSO FATA
TV_13_49_50_Paesaggio_Fata

Un caleidoscopio di colori per celebrare la bellezza della natura e il suo fruttuoso rapporto con l’uomo. Ma anche una testimonianza del mutamento avvenuto nelle campagne, dove la modernità e il profitto convivono con il rispetto della tradizione e dell’ambiente.

È questo il concorso fotografico internazionale “Obiettivo Agricoltura”, organizzato da Fata Assicurazioni con il patrocinio del Mipaaf, che festeggia quest’anno la sua prima decade di vita.

«Nei dieci anni trascorsi dal primo catalogo – ha spiegato l’amministratore delegato di Fata, Giorgio Cagnetti, durante la cerimonia di premiazione al Mipaaf – molti avvenimenti importanti hanno coinvolto il nostro Paese, l’Europa e il resto del mondo. Tutto si trasforma in modo veloce, ma su tutto c’è uno sfondo immutabile: la Terra. Noi di Fata, grazie ai nostri amici fotografi, ci impegniamo a fare la nostra parte per aiutare a ricordare quanto è bella e importante e quanto dobbiamo alle persone che la lavorano, la curano, la preservano da tante minacce».

L’edizione 2013 ha visto la partecipazione di 943 autori provenienti da ogni Paese del mondo, per un totale di 3.676 opere. Tre i temi in concorso: “Il paesaggio agricolo e naturalistico”; “Il lavoro nei campi e i suoi frutti”; “Agricoltura moderna ed energie rinnovabili”. La protagonista che emerge dalle fotografie presentate e premiate è l’Italia: «particolarmente belle – ha sottolineato il presidente di Fata, Valter Trevisan – le immagini che arrivano dal nostro Paese che, nonostante le difficoltà, trova nell’agricoltura una forte spinta alla crescita». Non è un caso, ha ricordato Gianluca Esposito del Mipaaf, che in un periodo di crisi sia salita l’occupazione nell’agroalimentare, che oggi rappresenta il 17% del Pil e fattura 35 miliardi di euro di export. Un patrimonio, ha spiegato Claudio Pastrone, presidente della Federazione italiana associazioni fotografiche, «che vediamo tutti i giorni ma che, grazie all’arte fotografica, riesce ad acquisire un significato più profondo che troppo spesso ci sfugge».

Anche quest’anno la selezione delle immagini più belle è stata raccolta in un catalogo che verrà distribuito in 13mila copie e che lo scorso anno era stato insignito della categoria “5 stelle” della Fédération internationale de l’art photographique.

Di seguito i vincitori del concorso: Gianluca Pizzichi (Italia) per la Migliore Opera; Mirko Zanetti (Italia) come Miglior Autore; Devers Christian (Belgio) per la categoria “Il paesaggio agricolo e naturalistico”; Vittorio Faggiani (Italia) per la categoria “Il lavoro nei campi ed i suoi frutti”; Renato Maffei (Italia) per la categoria “Agricoltura moderna ed energie rinnovabili”.

Allegati

Dieci anni di agricoltura in un click

Pubblica un commento