Cereali. Prezzi nazionali e mondiali (10 – 16 marzo)

Tenero-1-600x400.jpg

Frumento tenero. Frumento duro. Mais. Cereali foraggeri e oleaginose

L’articolo Cereali. Prezzi nazionali e mondiali (10 – 16 marzo) è un contenuto originale di Terra e Vita.

Frumento tenero   

freccia_uguale ITALIA

settimana di transizione in assenza di eventi o cambiamenti dei fondamentali sia sul pronto che sul breve-medio termine con positivi progressi colturali delle aree seminate. I molini sono coperti e l’attività di scambio procede in sordina anche per i “misti”. Sulle nostre piazze si riaffaccia anche l’offerta comunitaria che contribuisce ad appesantire il mercato. Le borse merci da Bologna a Milano ratificano i prezzi con i grani di forza a 230-233 €/t arrivo, i “bianchi” sui 193 €/t ed i “misti” che si consolida sui 190-192 €/t; invariate anche le alternative comunitarie ed estere con i riflessi dell’euro debole non quantificati.

Frumento duro

prezzi

freccia_uguale ITALIA

la sensazione è di stabilità ma è silente la ritenzione dei venditori ai prezzi attuali, per ora offuscata da assenza di domanda. Sulle principali piazze, da Sud a Nord, si confermano i prezzi dell’ultimo listino in attesa di meglio capire il proseguo di mercato in Italia e le scelte commerciali di Francia e Canada. Le coperture sono sufficienti a tenere i molini alla finestra e gli esportatori sono attendisti; l’effetto combinato congela i prezzi che per il “Fino con 13% proteina” vale un 220-225 €/t arrivo, il “Fino generico” vale poco sopra i 210 €/t con i mercantili con 11,5% proteina sui 200 €/t e l’11% di proteina sui 195 €/t.

Mais

Prezzi

freccia_uguale ITALIA

stabilità anche per il ritorno alla normalità delle offerte comunitarie ed estere che di fatto consolidano le quotazioni. Da Milano a Bologna i prezzi sono invariati con scambi (pochi) nella media per il periodo ed essenzialmente di complemento alle coperture in essere; i mangimisti mantengono le miscele di Febbraio ma la domanda zootecnica non è di sostegno. Il “generico” confermato a 180-181 €/t arrivo; il mais nostrano con caratteristiche vale un 183-185 €/t alla pari delle origini Est Europee, con l’estero che consolida un premio di un 4-8 €/t.

Cereali foraggeri e oleaginose

prezzi

freccia_uguale ITALIA

Cereali Foraggieri: scambi a rallentatore in un mercato che ha visto cedimenti di prezzo delle alternative comunitarie ed estere e domanda sempre più “alla giornata” nel comprate grano ed orzo che arrivo restano rispettivamente sui 190 €/t e 175 e/t; anche il sorgo invariato a 180 €/t arrivo. Oleaginose: repentino sorpasso in prezzo della soia nazionale (+3 €/t) rispetto all’estera (meno 8-10 €/t). Forte influenza dallo scenario mondiale e dal cambio dell’euro. La nostrana vale partenza sui 410 €/t, lo stesso prezzo “arrivo” dell’estera.

 

Il commento completo sui prezzi europei e mondiali su Terra e Vita 12/2017 L’Edicola di Terra e Vita

La formazione per il patentino dei fitosanitari comodamente da casa