Cereali. Prezzi nazionali (27 luglio)

frumento-tenero_27-07-2017-600x400.jpg

Cereali: frumento tenero, frumento duro, mais, cereali foraggeri e oleaginose

L’articolo Cereali. Prezzi nazionali (27 luglio) è un contenuto originale di Terra e Vita.

Terra e Vita Frumento tenero

Sulle piazze permane stabilità in un contesto di mercato che vede buona offerta sia di prodotto locale che di comunitario; le alternative estere tornano gradualmente competitive grazie anche al rafforzamento dell’euro. Gli utilizzatori mantengono un buon livello di scorte con preferenza per l’origine nazionale con qualità; l’offerta resta ben presente. Prezzi pressoché invariati con i “misti” sui 190-192 €/t ed i grani di forza attorno ai 237 €/t reso molino. Da segnalare la tenuta delle alternative comunitarie mentre gli “spring” crollano di un’ulteriore 25 €/t per una quotazione di poco sopra i 300 €/t arrivo.

 

prezzo dei cereali terra e vita

Terra e Vita Frumento duro

Settimana di calma su tutte le borse merci che non fanno registrare alcuna variazione nei prezzi in un contesto ormai “estivo” ove la residua domanda sul prontissimo incontra sufficiente disponibilità. Comunque tra gli operatori permane incertezza a causa del rallentamento dell’offerta estera che se si protrasse potrebbe turbare l’attuale equilibrio di mercato. Sul fronte prezzi l’attesa è per ulteriori invariati fino alle riaperture dopo Ferragosto. Da Nord a Sud le ultime quotazioni del Fino proteico (14% minimo) sono sui 235 €/t partenza con sconti per il Buono Mercantile a 10 €/t; le origini EU restano più costose del nazionale, alla pari delle origini dalle Americhe nonostante il super euro.

 

prezzo dei cereali terra e vita 

Terra e Vita Mais

Il panorama produttivo resta fortemente condizionato dal rischio climatico che potrebbe incrementare il deficit strutturale ma. a compensarne l’effetto, ci sono sia l’ampia disponibilità dalle origini Europa e dai porti, che un notevole livello di scorte presso gli operatori nel settore zootecnico. Bologna, invariato, e Milano meno 1-2 €/t rispecchiano il momento riflessivo della domanda e lo scarso interesse dell’industria. Il mais con caratteristiche da settimane è fermo sui 189-190 €/t arrivo, il generico sui 186-188 €/t con le alternative comunitarie a 188 €/t e l’estero a 192 €/t.

 

prezzo dei cereali terra e vita 

Terra e Vita Cereali foraggeri e oleaginose

Cereali foraggeri: tutto invariato per teneri e orzi in un contesto che vede stabile offerta “any origin”. I mangimifici ritirano le quote comprate a suo tempo e premono per ulteriori coperture sul 2018. L’orzo nostrano quota arrivo 160-162 €/t ed è allineato ai prezzi UE; il tenero “feed” sui 175 €/t reso. Oleaginose: la soia Italia non è ancor quotata mentre l’estera cede ulteriori 5 €/t a causa dell’effetto combinato di un Euro debole e della pressante offerta dalle origini Mar Nero; vale 370-375 €/t.