Campania, avanza la produzione dello spinacio a foglia piccola

I coltivatori di questa regione sfruttano l’aumento della richiesta del tagliato e imbustato L’articolo Campania, avanza la produzione dello spinacio…

spinaci-in-cassetta-600x391.jpg

I coltivatori di questa regione sfruttano l’aumento della richiesta del tagliato e imbustato

L’articolo Campania, avanza la produzione dello spinacio a foglia piccola è un contenuto originale di Terra e Vita.

L’incremento della domanda di “spinacino” sta spingendo i produttori a variare la tecnica colturale per ottenere il tipo di prodotto richiesto.

«Per conseguire questo tipo di prodotto, – ci spiega Nicola Laezza, orticoltore della provincia di Napoli – si incrementa la densità di semina, fino a cinque volte quella convenzionale, e si lavora il terreno preparando delle piccole “baulature” dove si procede alla semina fitta».

Si riduce anche la domanda di prodotto sfuso ed aumenta quella dell’imbustato.

«In Campania si è ridotta la richiesta di spinacio “fresco” confezionato in casse da 3-5 kg (40 x 60 cm), mentre aumenta la richiesta di prodotto tagliato e imbustato, che rappresenta in regione il 30% del totale. Una piccola quota, commercializzata presso il mercato di Napoli, è rappresentata da prodotto raccolto con la radice e venduto a “mazzetti”; la quota di spinacio regionale indirizzato all’industria è irrisoria (2-3%)».

La coltivazione di spinacio è prevalentemente praticata in pieno campo, stante la buona resistenza della specie al freddo, e solo una quota minore, rappresentata da spinacio per la IV gamma, è ottenuta sotto tunnel.

Leggi l’articolo completo su Terra e Vita 49-50/2016 L’Edicola di Terra e Vita