Biologico, il testo unico fa un nuovo passo avanti

globeflowers

Prosegue l’iter normativo dopo l’ok della Commissione agricoltura della Camera. Il testo apre alla vendita diretta di sementi non iscritte al registro

L’articolo Biologico, il testo unico fa un nuovo passo avanti è un contenuto originale di Terra e Vita.

Concluso l’esame degli emendamenti al testo unificato sul biologico da parte della commissione Agricoltura della Camera, il testo sarà ora trasmesso alle commissioni competenti in sede consultiva per l’espressione del parere di competenza.

L’agricoltura biologica viene definita nel nuovo testo come «’attività’ di interesse nazionale con funzione sociale, quale settore economico basato sulla sicurezza alimentare, sul benessere degli animali, sullo sviluppo rurale e sulla tutela dell’ambiente e della biodiversità, anche ai fini del raggiungimento degli obiettivi di riduzione dell’intensità delle emissioni di gas a effetto serra stabiliti a livello europeo» ha sottolineato il presidente della Comagri, Luca Sani. Il testo poi, nel rafforzare il ruolo del tavolo tecnico compartecipato in materia di agricoltura biologica, che vede rappresentati al suo interno i principali attori della filiera oltre a rappresentanti del ministero e delle regioni, gli assegna funzioni assai rilevanti nella predisposizione del Piano d’azione nazionale per l’agricoltura biologica. Le azioni del Piano, a sua volta, risultano finanziate dall’intero ammontare delle risorse presenti nel Fondo per lo sviluppo dell’agricoltura biologica, che sostituisce il Fondo per l’agricoltura biologica e di qualità.

Una novità introdotta nel testo riguarda la disciplina in tema di sementi biologiche: «viene consentito il diritto di vendita diretta – in ambito locale e per piccole quantità – agli agricoltori che producono sementi non iscritte al registro, nonché il diritto al libero scambio delle medesime, mantenendo ovviamente salve le competenze delle regioni in materia».

Sempre secondo Sani nel testo è messa «in primo piano la ricerca, sostenuta non soltanto con il 30% delle disponibilità del fondo ma anche con la promozione di specifici percorsi formativi presso le università e con specifiche risorse del Cnr e del Crea. Al fine di favorire l’aggregazione imprenditoriale e l’integrazione tra le diverse fasi della filiera dei prodotti biologici, il nuovo testo prevede la stipula di contratti di rete tra le imprese della filiera biologica, favorisce la costituzione di distretti biologici, assegnando loro fondamentali competenze nell’integrazione tra le attività agricole e le altre attività economiche presenti nell’area del distretto stesso, e disciplina le organizzazioni dei produttori e le organizzazioni interprofessionali nella filiera biologica, conferendo loro una specifica connotazione quali organizzazioni multi-prodotto».