Agricoltura24

Il Network

Servizi

Ricerca

Cerca powered by Google

Login

L'esperto risponde a cura di Terra e Vita

Coltivatore diretto

Sottotitolo Obblighi e registrazioni
Domanda

Una persona iscritta agli agricoltori diretti può vendere legna da ardere senza fare ricevute?
Può vendere letame, può tenere nella propria stalla cavalli per conto terzi, può tagliare erba nel terreno altrui e farsi pagare portando via la stessa senza rilasciare ricevuta, può avere costruzioni attorno a casa e prefabbricati in lamiera non segnati al catasto?
Può fare l’idraulico, il muratore il meccanico di decespugliatori e il falegname?
Tutto questo avviene. Mi sento un po’ preso per i fondelli.
Vi sono agricoltori di serie a e di serie b.

Risposta

Se un coltivatore diretto opera nel regime speciale dell’art.34 del DPR 633/1972 può tranquillamente vendere legna da ardere e del letame (ovviamente di legittima provenienza) segnando poi il corrispettivo a fine giornata nel registro dei corrispettivi.
Per le altre attività non agricole (semmai connesse) invece deve rilasciare i documenti previsti dalle rispettive attività.
Il fatto che qualcuno lo faccia non crea agricoltori di serie “a” o di serie “b” ma cittadini che rispettano o meno le norme… cittadini che pagano le tasse e cittadini che costituiscono il sommerso…

Autore Luciano Boanini
Data 09/05/2012
Tagnormativa