Arieggiare il terreno contro la moria dei kiwi

I consigli tecnici della Fondazione Agrion, di Manta (Cn), per far fronte alla malattia L’articolo Arieggiare il terreno contro la…

moria-di-kiwi-600x400.jpg

I consigli tecnici della Fondazione Agrion, di Manta (Cn), per far fronte alla malattia

L’articolo Arieggiare il terreno contro la moria dei kiwi è un contenuto originale di Terra e Vita.

Malgrado la forte riduzione della superficie coltivata a kiwi registrata in Piemonte a seguito della diffusione della batteriosi causata da Pseudomonas syringae actinidiae  (Psa) questa specie riveste ancora, con i suoi oltre 4.500 ettari, un ruolo di primaria importanza in regione.

Per tale motivo la fondazione Agrion, polo di ricerca e divulgazione della frutticoltura piemontese, continua a concentrare la propria attenzione su questa coltura.

Una delle principali problematiche affrontate da Agrion in questi ultimi anni, naturalmente dopo quella della batteriosi, riguarda il fenomeno della ‘morìa del kiwi’.

Dopo il passaggio devastante del batterio Pseudomonas syringae che ha determinato, a partire dal 2011  l’estirpo, solo in Piemonte, di oltre 1000 ettari di actinidia, da quest’anno si è evidenziato un nuovo preoccupante fenomeno la cui eziologia si dimostra alquanto complessa .

Non è infatti un caso che, non essendo del tutto chiare le cause, venga definito genericamente “moria del kiwi.

Il fatto certo è che, laddove si è diffusa, dal 2012 nel veronese e attualmente in Piemonte, abbia determinato la morte di centinaia di ettari di questa specie.

Agrion si è attivata immediatamente per cercare di capirne di più e dopo le prime valutazioni nei frutteti colpiti è stato possibile proporre alcuni  elementi tecnici divulgabili in merito a questa importante avversità.

 

I sintomi

Gli impianti colpiti manifestano inizialmente vistosi segni di appassimento su alcune piante, sovente concentrate in particolari zone dell’appezzamento (capezzagne, file esterne).

l fenomeno in genere si diffonde all’interno dell’actinidieto abbastanza velocemente nell’arco di una stagione.

Le foglie delle piante interessate dalla patologia inizialmente appassiscono, poi necrotizzano e cadono….

 

 

Leggi l’articolo completo su Terra e Vita 39/2016 L’Edicola di Terra e Vita