Cereali. Prezzi nazionali e mondiali a confronto (dall’8 al 14 giugno 2012)

TV_12_25_Graf_Tenero.jpg

Frumento tenero

ITALIA

la trebbiatura è ormai imminente e le previsioni del tempo senza rischio di precipitazioni piovose. Tuttavia gli operatori si interrogano se il mercato romperà in simpatia con quello estero (Mar Nero) in sensibile calo o più cautamente in attesa che si dipanino le incertezze qualitative. I molini restano corti come coperture non vedendo al momento ragioni per acquistare a futuro a prezzi correnti che domani potrebbero essere elevati. L’offerta locale se vuole vendere il nuovo raccolto deve uniformarsi alle quotazioni dell’estero/comunitario che da mesi giace ai porti. Nell’attesa che si chiariscano gli scenari le piazze del Nord scelgono di Non Quotare.

 

Frumento duro

TV_12_25_duro

ITALIA

se in Sicilia le rese sono confermate oltre la media, al Sud la qualità dei primi tagli ha dato una qualità oltre le aspettative: determinate vederne o meno la conferma nei prossimi giorni quando la trebbiatura sarà nel pieno. La domanda è oggi attendista e viene frenata dall’offerta che mal gradisce di fissare prezzi bassi per qualità medio-alte. Con il poco vecchio raccolto quasi tutto in mano ai trasformatori, l’incertezza sull’evoluzione dei prezzi è grande anche perchè la produzione 2012 copre un 70% del fabbisogno di campagna e al momento l’offerta estera è più cara. In regime di dubbi ed incertezze le borse merci calano le quotazioni o non quotano.

 

Mais

TV_12_25_mais

ITALIA

le prospettive di mercato si appesantiscono con il positivi progredire delle colture in campo e le ancora discrete giacenze nei magazzini. La prospettiva di ricevere nel 2012/13 i prezzi di Maggio si rende sempre più remota stante la previsione di ampia disponibilità di nazionale e comunitario. La domanda è presente ma già applica i prezzi del nuovo raccolto; l’offerta temporeggia ma prende atto dell’evoluzione. L’Ager Bologna quota 198 arrivo (-6) €/t, con Milano che vede un meno 5 €/t e prospettive per ulteriori ribassi.

 

Cereali foraggeri e oleaginose

TV_12_25_foraggeri

ITALIA

Cereali Foraggeri: si comincia a raccogliere l’orzo e tra poco anche il tenero in un contesto di mercato senza tensioni e, in prospettiva, con buona disponibilità; la domanda copre solo il brevissimo. Con il grano ed il sorgo "sospesi", quota solo l’orzo estero a 227 €/t arrivo.

Oleaginose:
le borse reagiscono alle notizie di siccità in USA, al prezzo del petrolio e alla volatilità dei future USA. La soia nazionale vale sui 458 €/t con l’Ucraina a sconto di 5 €/t.

 

Il commento completo sui prezzi europei e mondiali su Terra e Vita.
Per abbonarsi: http://www.agricoltura24.com/agricoltura/p_1076.html

 


Pubblica un commento