Anadiag Italia, 15 anni di autentica passione

anadiag.jpg

Un centro di saggio a tutela dei prodotti agrolimentari

Leggi l’articolo originale Anadiag Italia, 15 anni di autentica passione su Terra e Vita.

Era il 2001 quando un giovane agronomo piemontese accoglieva la sfida di una multinazionale francese. Nasceva così Anadiag Italia. Un nuovo centro di saggio, riconosciuto dal Mipaaf. Una perfetta sintesi tra la passione per l’agricoltura di un ragazzo che muoveva i primi passi nel complesso mondo degli agrofarmaci e la rodata esperienza di un leader europeo del settore della sperimentazione agrochimica come Anadiag. Sono passati 15 anni, l’esperienza è cresciuta così come la sincera passione che aveva permesso la nascita di questa società, alimentata negli anni dall’aggiunta progressiva degli elementi che oggi formano la squadra Anadiag Italia.

«Una base solida che ancora oggi contraddistingue il nostro modus operandi – racconta Stefano Bergaglio, che da giovane agronomo è diventato oggi l’esperto direttore generale della sua creatura imprenditoriale –. Siamo un gruppo di persone preparate che conquistano la loro professionalità ogni giorno in campo, affrontando le mutevoli avversità che si possono riscontrare con una ferrea metodologia e un confronto reciproco».

«Non ci interessa ambire al ruolo di opinion leader, ma vogliamo continuare con la stessa genuinità con cui abbiamo iniziato senza mai dimenticare l’importanza che il nostro ruolo di ricerca ci impone come protagonisti della filiera agro-alimentare e della salvaguardia ambientale».

In effetti pochi hanno la percezione reale del ruolo di un centro di saggio per l’agricoltura, che esula dalla pura presentazione di dati tecnici, ma rappresenta un passaggio di primaria importanza per la sicurezza dei cibi, dell’ambiente e per il corretto sviluppo dell’agricoltura. Una categoria d’imprese che contribuisce alla sfida di poter produrre le crescenti quantità di cibi sani necessari a sfamare la popolazione mondiale, ottimizzando l’efficacia dei processi di coltivazione agricola e facendo in modo che essi si integrino al meglio nei processi naturali in cui sono inseriti. Non dobbiamo dimenticare infatti che la salvaguardia dell’ambiente nasce da un’attività costante di ricerca sperimentale in collaborazione con gli agricoltori, come viene realizzata e perseguita dai centri di saggio. Sitratta di struttura molto importante che spesso nell’immaginario collettivo rimane relegata nella sfera di puri consulenti tecnici a servizio delle grandi imprese agrochimiche.

Ecco che Il 15° anniversario di Anadiag Italia si tratta di un momento importante di riflessione per lo sviluppo del settore.

 

Per informazioni:

ANADIAG ITALIA

www.anadiag.it