Agea ha completato i pagamenti degli anticipi Pac

Green plant in the two pair hands

Oltre 1 miliardo di euro per circa 500mila aziende agricole. Un risultato raggiunto in Lombardia solo con l’appoggio concreto della Regione

L’articolo Agea ha completato i pagamenti degli anticipi Pac è un contenuto originale di Terra e Vita.

Il 28 novembre Agea ha concluso il pagamento degli anticipi 2016 della Domanda unica Pac. Il valore degli importi erogati è di oltre 1 miliardo di euro per circa 500mila aziende agricole. A favore di 100mila piccoli agricoltori sono stati erogati 47 milioni. L’erogazione effettuata da Agea supera quanto effettuato per il 2014, ultimo anno della vecchia programmazione (813 milioni di euro) ed il 2015, primo anno della nuova programmazione 2014-2020 (731 milioni di euro). Gli anticipi erogati comprendono anche 69 milioni di euro in favore di 33mila aziende agricole operanti nelle zone del centro Italia colpite dal terremoto ad agosto e ad ottobre 2016.

«Un sostegno concreto alle aziende – ha dichiarato il Ministro Maurizio Martina – particolarmente importante soprattutto per chi è stato colpito dagli eventi sismici che hanno interessato il centro del nostro Paese. Parliamo di risorse fondamentali ora a disposizione delle aziende agricole per il loro lavoro e la loro crescita».

Riguardo ai pagamenti relativi alle campagne degli anni precedenti Agea – si legge ancora nella nota del Mipaaf – ha predisposto un piano operativo per il controllo di tutte le istanze di riesame presentate dagli agricoltori per la risoluzione delle anomalie che avevano impedito il pagamento nei termini.

In merito al pagamento effettuato da Agea l’assessore all’Agricoltura lombardo, Gianni Fava, sottolinea comunque come Regione Lombardia «sia riuscita a superare le inefficienze e i ritardi di Agea e l’Organismo pagatore regionale abbia pagato nei termini gli agricoltori lombardi, per i 294 milioni complessivi loro spettanti, suddivisi tra 264 milioni per la Domanda Unica della Pac e 30 milioni per il Psr. Questo perchè dagli organi centrali non sono stati trasferiti 191 milioni di euro e ne sono pervenuti appena 17,4. Pertanto Regione Lombardia è stata costretta ad anticipare le risorse, in attesa del trasferimento da Roma, per 173,6 milioni».